Un incidente stradale dopo una lunga notte di lavoro, il camioncino distrutto, le lacrime e la decisione di dire addio all’attività lavorativa avviata 32 anni fa. Poteva essere un dramma, invece Marcello Crucetta, per tutti “Marcello dei gelati”, sta vivendo una favola grazie alla generosità dei suoi concittadini che si sono subito attivati per raccogliere i soldi necessari all’acquisto di un nuovo mezzo.

Erano le 2.30 del 5 agosto quando l’artigiano, di rientro da Marina di Modica, nel Ragusano, dove in estate staziona con il suo furgoncino ambulante, era rimasto coinvolto in un incidente contro un’auto che viaggiava nel senso opposto. Con Marcello c’era il figlio Daniele, l’impatto è stato molto violento, ma i due hanno registrato solo lievi ferite, ma il mezzo, acquistato 32 anni fa e adattato a camion dei gelati, si è capovolto ed è andato letteralmente distrutto. Dai rilievi è emerso che nell’incidente il gelataio non ha avuto alcuna responsabilità, l’assicurazione molto probabilmente gli risarcirà parte del danno considerata anche l’età del camion, ma passerà del tempo e agosto è il mese in cui lavora di più.

A toccare il cuore dei modicani è stata un’intervista rilasciata da Marcello ad una emittente locale, con le lacrime agli occhi ha detto di non avere la possibilità di poter acquistare un altro furgoncino, quindi la decisione di cessare l’attività che svolge insieme ai figli. Poche ore dopo è iniziata la gara di solidarietà, da una parte alcuni commercianti che hanno avviato una raccolta all’interno delle proprie attività, dall’altra privati cittadini che, in anonimato, hanno cominciato a donare. “Marcello fa parte della storia di Modica– dichiara a ilfattoquotidiano.it Fabio Paolino, proprietario di un’attività commerciale e uno dei promotori della raccolta fondi-, è stato sempre un punto di riferimento per i bambini, ma anche per i più grandi e si è sempre contraddistinto per i suoi modi gentili ed educati, aiutarlo dopo quanto gli è accaduto è il minimo che potessimo fare”.

Su Facebook, nella pagina di Vincenzo Giannone, in soli 5 giorni sono state raccolte donazioni per 5mila 800 euro, ma sono tante anche quelle private, somme a cui si aggiungeranno quelle accumulate nei tanti esercizi commerciali che hanno aderito all’iniziativa. Domenica 11 agosto si terrà un incontro per quantificare la raccolta fondi e lunedì sarà consegnato l’assegno nelle mani di Marcello che potrà procedere all’acquisto del mezzo che, tra l’altro, è stato già trovato anche grazie all’impegno dei promotori della raccolta fondi. “Non esistono parole adatte per ringraziare quanti ci stanno aiutando – commenta “Marcello dei gelati”-, oggi posso dire di sentirmi ancora più orgoglioso di essere Modicano e di far parte di questa splendida comunità. L’acquisto del mezzo consentirà a me, ma soprattutto ai miei figli, di continuare l’attività con serenità”. Marcello poi parla anche dei tanti attestati di affetto ricevuti da parte di istituzioni e cittadini comuni: “A commuovermi di più sono stati i tanti messaggi che mi sono stati inviati dai bambini e da cittadini stranieri che in sono venuti in vacanza a Modica diventando miei clienti, presto sarò di nuovo a Marina di Modica e tornerò a vendere i miei gelati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Non tutti i gesti folli sono spiegabili con i disturbi psichici

prev
Articolo Successivo

Il (mio) debito pubblico

next