Con il loro carisma e i loro teneri gesti d’amore sono diventati una delle coppie più amate dalla gente, e il loro matrimonio è considerato come tra i più solidi e perfetti. Ma adesso corrono voci secondo cui l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obamba e la moglie Michelle sarebbero in crisi. Non solo, addirittura starebbero divorziando. È quanto sostiene il tabloid americano Globe secondo cui gli Obama avrebbero già firmato le carte del divorzio dopo 27 anni di matrimonio.

A sostegno di questa tesi – che al momento no ha conferme ufficiali ma solo rumors – c’è secondo il tabloid il fatto che Barack sta trascorrendo sempre meno tempo in compagnia della moglie e delle due figlie Malia, 21 anni, e Sasha, 18, preferendo invece viaggiare da solo in giro per il mondo, ufficialmente per motivi di lavoro. Insomma, Michelle sarebbe sempre più sola nella gestione della famiglia, cosa che non le andrebbe proprio giù. Non solo, sempre secondo il “Globe”, a ciò si aggiunge l’indignazione di Michelle perché il marito non non l’ha sponsorizzata come candidata in vista dell’avvio della campagna elettorale per le prossime elezioni presidenziali.

Altri “indizi” della crisi fra i due vengono riscontrati poi anche nell’autobiografia di Michelle, quando lei parla di quanto fosse stato difficile tenere insieme il matrimonio quando la carriera politica del marito l’ha portato a sedere sulla poltrona più importante degli Stati Uniti. Non resta che stare a vedere se questi rumors troveranno conferme o, al contrario, smentite dai diretti interessati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mike Tyson: “Usavo un pene finto con l’urina dei miei figli per passare i test antidoping”

next
Articolo Successivo

Miss Italia, Patrizia Mirigliani contro il rifiuto di Antonella Clerici: “Non è un concorso morto”

next