“Tu sporchi la divisa che indossi”. Con questa frase un volontario di colore della Croce Rossa Italiana di Loano, in provincia di Savona, è stato insultato mentre era in servizio, distribuendo materiale promozionale durante una sagra. Il suo nome è Umar Nuri, ha 25 anni ed è originario del Ghana. Qui, in Italia, dove lavora, passa il tempo libero aiutando le persone, militando nell’associazione che, ha raccontato lui stesso, gli ha salvato la vita quando era in mare. “E io voglio fare qualcosa per loro”, ha spiegato, per “dire grazie” a chi gli ha salvato la vita.

La denuncia dell’episodio arriva direttamente dalla Cri: “Per diventare volontario ha compiuto un percorso di oltre sei mesi che ha compreso corsi, esami e tirocinio – hanno spiegato – È un ragazzo lavoratore, che passa il suo tempo libero aiutando le persone e lo fa sempre con il sorriso. Quella frase non offende solo lui, ma tutti noi: sono attacchi dettati da odio e cattiveria”. Alla frase, detta da una giovane ragazza, ha raccontato Umar all’Ansa, il volontario non ha risposto. “Ho sorriso, e non ho detto nulla – ha detto – era una ragazza giovane, che avrei potuto dirle? Ho lasciato che andasse via”.

Diversi i messaggi di solidarietà arrivati al giovane. Il primo dal sindaco di Loano, Luigi Pignocca. “Frasi insensate e di una gravità assoluta. La storia di Umar Nuri rappresenta un perfetto esempio di integrazione e un modello di comportamento per tutti noi. Lo invito insieme ai suoi colleghi a venirmi a trovare in Comune, sarà un piacere ringraziarli per l’importante servizio che fanno”, ha detto il primo cittadino.

Anche il presidente della Croce Rossa Italiana, a capo anche della Federazione internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, Francesco Rocca, ha commentato l’accaduto sul suo profilo Facebook. “Noi siamo orgogliosi che Umar abbia scelto la nostra divisa, che lo faccia con orgoglio e con il sorriso e continueremo a batterci contro ogni forma di razzismo e discriminazione. Il nostro Paese, culla della Croce Rossa e del Movimento Internazionale si sta incattivendo ogni giorno di più – si legge nel post – Nuove forme di politica e comunicazione malata e tossica stanno toccando i valori fondanti la nostra Comunità. La disseminazione dei nostri principi e valori deve continuare ad essere una costante, una priorità per tutti i comitati della Croce Rossa. E tutti sappiano che noi non ci stancheremo mai di essere una Italia che aiuta, con le braccia ed il cuore di ogni persona di buona volontà, ‘poiché tutti possono in un modo o nell’altro, ciascuno nella sua sfera e secondo le sue forze, contribuire in qualche misura a questa buona opera’”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, giunta Pd fa sgomberare il centro sociale Xm24. Il Comune: “Sede alternativa entro novembre”. Gli attivisti scendono dal tetto

next
Articolo Successivo

Roma, rimossa la scritta Casapound dal palazzo occupato. Raggi bisticcia con gli attivisti: “Fate i seri, andatevene”

next