Dopo le polemiche con Giuseppe Conte successive al primo incontro tra Matteo Salvini e le parti sociali al Viminale, quando il premier parlò di ‘scorrettezza istituzionale, il leader della Lega bissa l’appuntamento alla sede del ministero dell’Interno e riconvoca sigle e sindacati. Ma non solo. Come se non bastassero le frizioni con il M5s per la presenza al primo vertice di Armando Siri, l’ex sottosegretario leghista indagato per corruzione fatto dimettere dallo stesso Conte, la scena si ripete ancora una volta. Con lo stesso Siri presente al tavolo con Salvini e altri ministri ed esponenti leghisti anche per il secondo vertice, organizzato un giorno dopo il terzo fatto a Palazzo Chigi. Della delegazione della Lega fanno parte anche Alberto Bagnai, Massimo Bitonci, Giulia Bongiorno, Claudio Borghi, Massimo Bussetti, Gian Marco Centinaio, Claudio Durigon, Dario Galli, Giancarlo Giorgetti, Guido Guidesi e Massimo Garavaglia. Quarantacinque le sigle dei sindacati e delle associazioni e delle imprese presenti al Viminale, mentre ha disertato il segretario Cgil Maurizio Landini
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decreto sicurezza bis, i “porti chiusi” e le nuove leggi sull’ordine pubblico: ecco cosa c’è nel provvedimento approvato dal Senato

prev
Articolo Successivo

Bologna, Salvini elogia sgombero Xm24 del sindaco Pd: “Ruspe democratiche”. Lui: “Pensi a Casapound”. Ma Orfini: “Basta show”

next