È stata uccisa da un cliente ludopatico che credeva di essere stato truffato. È stato quindi un omicidio volontario e premeditato quello di Mariella Rota, la tabaccaia di 66 anni assassinata a colpi di mannaia martedì a Reggio Calabria. Sono stati gli investigatori della Squadra Mobile, coordinati dalla Procura, a risalire al movente dell’omicidio dopo aver fermato il presunto assassino, Billi Jay Sicat, di 43 anni, di origini filippine, in Italia regolarmente da 5 anni.

L’uomo, si scopre dalla ricostruzione delle forze di polizia, era un cliente abituale del tabacchi gestito dalla vittima, dove abitualmente entrava per giocare al Lotto. L’uomo, che gli investigatori hanno definito ludopatico, ha ucciso Mariella Rota per giustificare con se stesso la costante perdita al gioco del denaro frutto del lavoro della moglie, accusandola di truffarlo.

L’uomo, che probabilmente covava da tempo la sua ‘vendetta’, martedì intorno alle 13 è entrato nel locale, ha chiuso la serranda alle sue spalle e ha estratto una mannaia. La donna ha provato a gridare e difendersi, ma l’uomo l’ha colpita più volte fino a quasi decapitarla.

Dopo l’omicidio, l’uomo si è cambiato la maglietta sporca di sangue con una pulita, ha sfilato l’hard disk dal computer, convinto che fosse collegato alle telecamere di sorveglianza, ed è uscito dalla porta sul retro del locale. Ma Sicat non sapeva che la videosorveglianza non scaricava le immagini nella memoria del computer che ha manomesso, ma in un altro. È grazie a quelle immagini che gli uomini della polizia hanno potuto identificarlo e ricostruire la dinamica dell’accaduto in sole 24 ore. Una tempistica che ha permesso la cattura immediata, visto che l’uomo stava cercando di fuggire e far perdere le proprie tracce.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reggio Calabria, tabaccaia uccisa con un’arma da taglio nell’androne del suo palazzo: aveva subito minacce e tentativi di rapina

next
Articolo Successivo

Reggio Emilia, operaio comunale prende a badilate il collega: denunciato

next