Lutto nel mondo del cinema e della televisione. È morto a 94 anni a Castel San Pietro Terme (Bologna) Raffaele Pisu, vero nome Guerrino Pisu. È stato attore, conduttore televisivo e radiofonico. È stato anche combattente partigiano e internato dai nazisti in un campo di concentramento al confine con l’Olanda, poi è stato liberato dopo quindici mesi di reclusione.

Pisu ha prestato il volto a personaggi poi diventati cult come il Giaguaro e Provolino, ha partecipato alle riprese del capolavoro del cinema italiano “Italiani Brava Gente” di Giuseppe De Santis nel 1965. Proprio lo scorso autunno in occasione del restauro del celebre film, era stato ricevuto in udienza privata al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Con il cinema ha raccontato la realtà dell’Italia dal dopoguerra fino ai nostri giorni. Il suo ultimo film è stato “Nobili Bugie” nel 2017 del figlio Antonio Pisu.

Tra alti e bassi nella sua carriera sono state molte le incursioni televisive, come nelle fiction “Non ho l’età”, “Don Matteo 6” e “Marameo”. Per due stagione e a partire dal 1990 ha condotto con Ezio Greggio il tg satirico di Antonio Ricci “Striscia la notizia”.

Raffaele Pisu è stato sposato con Leda, da questo matrimonio nel 1984 è nato il regista e sceneggiatore Antonio Pisu. Nel 2016 a “Domenica Live” ha confessato di aver scoperto a 91 anni di avere un altro figlio, Paolo Rossi, nato da una storia durata un solo mese con una donna “In un periodo in cui mi stavo separando dalla mia prima moglie, ho conosciuto la madre di questo ragazzo. Ci siamo amati per un mese, poi lei è sparita, non ho mai saputo che aspettasse un bambino”, aveva dichiarato l’attore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Temptation Island un mese dopo: ecco come è andata a finire tra le coppie

next
Articolo Successivo

Caduta Libera, il ‘sexy bagnino’ Christian Fregoni sbanca di nuovo nel programma di Gerry Scotti

next