È risultato positivo al test della cocaina Fabio Provenzano, l’uomo che nella tarda sera del 12 luglio era alla guida dell’auto che si è schiantata sulla A29 Palermo-Trapani. Nell’incidente è morto il figlio 13enne Francesco, mentre è ancora ricoverato in gravissime condizioni l’altro, Antonio, di 9 anni. Poco prima dello schianto aveva postato su Facebook un video che lo ritrae al volante e inquadra anche i due bambini. Provenzano era già accusato di omicidio colposo e ora la sua posizione è aggravata dal fatto che fosse sotto effetto di droga.

L’auto viaggiava ad alta velocità quando si è schiantata all’altezza di Alcamo. Nelle riprese pubblicate si sente il rombo del motore. Ad un certo punto si vede l’auto sterzare e poi all’improvviso tutto nero. Oltre al figlio di 9 anni, anche lo stesso Fabio Provenzano è ricoverato all’ospedale Villa Sofia di Palermo, in coma farmacologico.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isola d’Elba, esplode palazzina nella notte: morti marito e moglie settantenni, tre feriti con ustioni

next
Articolo Successivo

Firenze, quando ci accorgeremo che abbiamo un problema di sicurezza sulle ferrovie?

next