La proposta di eliminazione del denaro contante ciclicamente si riaffaccia nel dibattito pubblico. Di questa ipotesi abbiamo discusso con i cittadini in strada. Chi è abituato all’uso di bancomat, app e carte di credito in buona parte si dichiara disponibile al cambiamento: “Non vedo svantaggi, può essere un modo efficace per stanare evasori fiscali e criminali”. A un patto però, aggiungono alcuni: “Dev’essere garantita la sicurezza e devono diminuire le commissioni bancarie“. Ma c’è chi non è d’accordo: “Non è così che si contrastano corruzione e grande evasione fiscale“. E chi ne fa una questione di libertà individuale: “Saremmo definitivamente tutti schedati, sudditi del sistema finanziario”. Senza contare – obiettano altri – le difficoltà per “le persone anziane, chi abita in piccoli centri e per i commercianti al dettaglio”. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La storia di Martina, una giovane donna che lavora con le aziende per il clima

prev
Articolo Successivo

Napoli Teatro Festival, nel chiostro siamo carne umana in una ‘scatola’ di plastica

next