Proiettili di gomma e gas lacrimogeni contro la folla. È il settimo weekend consecutivo di manifestazioni e scontri a Hong Kong, dove migliaia di “ombrelli”, diventati ormai il simbolo della protesta, sono di nuovo scesi per le strade della città dopo aver trasformato una manifestazione contro il progetto di legge ormai sospeso sulle estradizioni in Cina in una vera e propria marcia antigovernativa che ha in Carrie Lam, Capo dell’esecutivo locale, la testa da far cadere per poter indire nuove elezioni.

La tensione è salita quando, chiusa la marcia di Civil Human Rights Front (430.000 le adesioni per gli organizzatori, 138.000 per la polizia), le proteste sono continuate circondando, secondo quanto riferito dai media locali, la sede di rappresentanza di Pechino, con lanci di uova e palloncini con inchiostro contro lo stendardo rosso della Repubblica Popolare Cinese al grido di “Hong Kong libera” e “Democrazia adesso”. Circa 4mila agenti in tenuta antisommossa, secondo quanto riferito da un reporter di Afp, equipaggiata con maschere antigas e scudi protettivi, ha fronteggiato la folla a suon di lacrimogeni e proiettili di gomma, riuscendo in parte a disperdere i manifestanti.

Ma a scagliarsi contro coloro che protestano per l’eccessiva vicinanza dell’esecutivo del Porto Profumato a Pechino sono stati anche gruppi non identificati di uomini a volto coperto, vestiti di bianco e armati di bastoni. Da quanto si vede dalle immagini trasmesse in diretta Facebook dalla testata locale Stand News, il gruppo di contromanifestanti carica una folla di antigovernativi a Yuen Long, quartiere nella zona nordovest della città, vicino al confine con la Cina. La reporter è fra le persone attaccate ed è stata sbattuta a terra e presa a calci diverse volte. Nelle immagini si vede almeno un uomo con il volto coperto di sangue.

Le proteste vanno avanti dal 9 giugno e, nonostante la contestata proposta di legge sulle estradizioni, il casus belli, sia stata ritirata, la folla non ha smesso di scendere in strada. Oggi, la contestazione è alimentata in particolare dalle sparizioni dei librai dissidenti, ricomparsi in detenzione in Cina, nonché dalle incarcerazioni di leader del movimento pro-democrazia. I dimostranti chiedono le dimissioni di Lam, che Pechino sostiene, un’indagine indipendente su presunte violenze della polizia e l’amnistia per le persone arrestate, oltre a nuove elezioni a suffragio universale per scegliere un nuovo capo del governo locale.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran, spunta audio tra Teheran e petroliera britannica. “Vogliamo fare ispezione, obbedite e sarete salvi”. Royal Navy: “È illegale”

next
Articolo Successivo

Assange, il segretario Usa: “Presto sarà estradato”. L’ok del Regno Unito solo senza il rischio di condanna a morte

next