È morto a Milano il magistrato Francesco Saverio Borrelli, che fu capo del pool Mani Pulite ai tempi in cui era Procuratore della Repubblica. Protagonista di un capitolo della storia d’Italia, si è spento in ospedale a 89 anni, per 47 dei quali ha indossato la toga, anche come pg del capoluogo lombardo. Il ricordo dei colleghi: ha saputo anche proteggerci, ha fatto la storia. Lunedì la camera ardente al tribunale di Milano. Rimane celebre il suo “resistere, resistere, resistere” pronunciato durante l’inaugurazione dell’anno giudiziario nel 2002, contro lo sgretolamento e il naufragio della coscienza civica e del senso del diritto

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Borrelli morto, il procuratore Greco: “Ha fatto la storia del Paese”. Mattarella: “Magistrato di altissimo valore”

prev
Articolo Successivo

Lega-Russia, il Corriere: “Euro-Ib non è una banca, ma un sito con un bilancio da pizzeria”

next