Domenica sera alla banchina di San Domenico di Molfetta c’erano 5mila persone che stavano assistendo al concerto sold-out di Salmo. La serata stava proseguendo come da programma quando all’improvviso c’è stato un incidente: una transenna ha infatti ceduto, non reggendo al peso di tutti i giovani che si stavano scatenando con il pogo in platea. Il pubblico era formato infatti soprattutto da giovanissimi, tanti accompagnati dai genitori, che come da tradizione a questi concerti si sono lanciati in spintoni e salti a ritmo di musica. Un impeto a cui la barriera messa a protezione della canalina dei cavi non ha retto.

Il rischio di un effetto domino era altissimo ma il peggio è stato scongiurato proprio dallo stesso Salmo che, dall’alto del palco, si è subito reso conto di ciò che stava succedendo e ha interrotto l’esibizione per avvisare gli spettatori e cercare di evitare il panico: “State calmi, facciamo tutti un passo indietro sennò ci facciamo male“, ha detto il rapper, che poi ha cercato di mantenere il contatto con la folla parlando. Il tutto seduto sulla sedia a rotelle con la quale sale sul palco per il tour di quest’estate, dopo l’incidente avuto a Bologna.

La transenna si era piegata e aveva un angolo contundente che dava verso il pubblico – hanno fatto sapere gli organizzatori come riferisce Repubblica – abbiamo provato a sistemarla, non ce l’abbiamo fatta e quindi l’abbiamo proprio cambiata”. Nel frattempo Salmo ha placato gli animi agitati dal pogo, evitando che succedesse il peggio: “È stato bravo a gestire la situazione, se si continuava sulla stessa scia qualcuno si sarebbe fatto male”, hanno aggiunto, spiegando che il rapper ha preferito poi cambiare in corsa la scaletta aggiungendo brani più tranquilli, considerando che fra i fan c’erano molti adolescenti.

A causa dell’inconveniente il concerto si è allungato di una ventina di minuti, dopo ci sarebbe stato un dj set ma è stato lo stesso Salmo ad annunciare che non lo avrebbe fatto “perché non si poteva pogare. Li ha distratti, è stato davvero bravo a gestire il tutto“, hanno aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Enrico Mentana e quella musica al TgLa7 che sembrava non avere fine: “Cosa è successo? Non lo sapremo mai”

next
Articolo Successivo

Ettore Weber, parla la moglie del domatore ucciso: “Non uccidete la tigre. Non ha colpe. Se mi faccio un selfie accanto a un burrone e cado non è colpa del burrone”

next