“La sindaca mi ha chiesto le deleghe e la carica di vicesindaco per dare un segnale di cambiamento nella sua amministrazione”. Lo ha detto Guido Montanari, vicesindaco di Torino, nel giorno in cui Chiara Appendino renderà conto al Consiglio comunale dopo il caso del Salone dell’Auto. “Io ho risposto che non ho motivi per dimettermi perché ho operato molto bene. Se Chiara ritiene di interrompere il mio lavoro è una sua scelta. Ha il potere per revocare le deroghe e gli altri consiglieri possono solo fare le proprie considerazioni. C’è un orientamento legato ai vecchi poteri forti di questa Città, un ritorno al Sistema Torino” ha detto il vicesindaco

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Appendino revoca le deleghe al vice: “Non vado avanti con freno tirato. Se il male minore è andare a casa, così sarà”

prev
Articolo Successivo

Fondi russi alla Lega, ai tempi si lanciavano monetine. Perché oggi nessuno si indigna?

next