“Guerra” al BCT di Benevento, evento dedicato al mondo cinematografico e televisivo. Ospiti della kermesse erano infatti Chef Rubio e Massimo Boldi che sono saliti sul palco uno dopo l’altro. O meglio, prima uno e l’altro molto tempo dopo. I fan dello chef, volto amatissimo del canale Nove, non hanno saputo trattenere l’entusiasmo e hanno fatto restare Rubio sul palco più del dovuto, tra applausi e selfie. Così Massimo Boldi ha dovuto aspettare il suo turno (che non arrivava mai) e quando è stato il momento di entrare in scena è rimasto pochi minuti, visibilmente stizzito.

Chef Rubio non ha perso l’occasione per dire la sua sui social: “Grazie Benevento – ha scritto in un primo post – per lo splendido incontro, per gli interventi e il confronto, ma soprattutto per la straordinaria umanità. Un saluto a Cipollino che ha rosicato ma che non doveva. Mastella scansete, c’è un nuovo sceriffo in città”. Non solo, lo chef ha poi postato un secondo messaggio: “Volevo dedicare il premio ‘Personaggio Televisivo della Stagione’ – le parole di Chef Rubio – a Cipollino, con la speranza di riuscire a strappargli una foto la prossima volta, prima che scappi. Grazie ancora”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabio Rovazzi furioso: “Praticate bullismo sulla mia ragazza? Date via la vostra dignità in cambio di qualche like”

next
Articolo Successivo

“Quando gli italiani sfondarono il fronte nemico a Caporetto”: l’errore in un libro per le scuole. Donazzan: “Testo ritirato dal mercato”

next