Se si guardano la foto e il video di Alex, il giovane disabile trasportato da un specie di tappeto volante fatto da braccia e mani al concerto death metal in Galizia, la prima impressione è di paura.
Paura che Alex possa cadere, timore che qualcuno o qualcosa potesse rallentare la magia di attimi eccezionali.

Alex non riesce ad usare le mani per portare un cucchiaio di minestra alla bocca, ma è molto più forte e capace di me che lo faccio svogliatamente e senza rendermene conto milioni di volte.

Alex non voleva passare alla storia per l’immagine che milioni di persone hanno ormai visto. Aveva solo voglia di andare a un concerto e ballare come i suoi coetanei. Quello che abbiamo visto accadere è la dimostrazione, come egli stesso dichiara stupito dopo la improvvisa notorietà, che “volere è potere”.

Ad Alex non resta che dire grazie, un ringraziamento grande per la sua veemente e sfrontata richiesta di stare in alto, sempre più su. Alle braccia e alle mani che lo hanno sorretto un abbraccio immenso, come la gioia di Alex. E la paura in un attimo si dissolve.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Buckingham Palace, intruso scavalca il cancello e entra mentre la regina Elisabetta dorme: arrestato

next
Articolo Successivo

Oggi non parlo di scienza né di Pechino, ma delle mie prigioni

next