A Barcellona, in Spagna, si stavano esibendo gli Arch Enemy, gruppo di death metal svedese. A un certo punto, un ragazzo con paralisi cerebrale in sedia a rotelle, Alex, è stato sollevato dai fan e poco a poco “spinto” verso il palco. “Grazie, avete realizzato il suo sogno” ha scritto la famiglia del giovane.

Video Facebook/Arch Enemy

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi al Parlamento europeo, la passeggiata solitaria tra i banchi e l’ironia in Rete: “Come in un cantiere”

next
Articolo Successivo

‘Svedese e con trecce? Per salvare il mondo non serve, inizia da qui’: il video (da ridere) dei The Jackal per l’ambiente

next