A Barcellona, in Spagna, si stavano esibendo gli Arch Enemy, gruppo di death metal svedese. A un certo punto, un ragazzo con paralisi cerebrale in sedia a rotelle, Alex, è stato sollevato dai fan e poco a poco “spinto” verso il palco. “Grazie, avete realizzato il suo sogno” ha scritto la famiglia del giovane.

Video Facebook/Arch Enemy

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Berlusconi al Parlamento europeo, la passeggiata solitaria tra i banchi e l’ironia in Rete: “Come in un cantiere”

prev
Articolo Successivo

‘Svedese e con trecce? Per salvare il mondo non serve, inizia da qui’: il video (da ridere) dei The Jackal per l’ambiente

next