Risulta ancora disperso in mare Mimmo Massaro, l’operaio di 40 anni dell’ex Ilva che mercoledì stava lavorando a bordo della gru caduta in acqua a causa della tromba d’aria che si è abbattuta sulla città di Taranto. Secondo quanto ricostruito dalla capitaneria di porto e dalla guardia costiera, “la forte tempesta abbattutasi ha provocato un cedimento a catena di tre gru posizionate sulla banchina su una delle quali si trovava il gruista disperso, caduta nello specchio acqueo antistante la banchina stessa. Sono tutt’ora in corso le ricerche dell’operaio disperso – aggiungono -, le cui operazioni sono rese difficoltose a causa della torbidità delle acque e del pericolo conseguente alla presenza dei rottami e delle gru pericolanti e rese instabili dal fortunale occorso”.

Intanto Procura di Taranto ha aperto un’inchiesta sul quanto avvenuto al quarto sporgente del porto mercantile di Taranto in concessione alla società Arcelor Mittal, che gestisce lo stabilimento siderurgico ex Ilva. Il fascicolo è in mano al sostituto procuratore Enrico Bruschi: la magistratura dovrà accertare se sia stato fatto tutto il necessario per garantire la sicurezza dell’operaio disperso. L’intera area dove è avvenuto l’incidente è stata posta sotto sequestro dalla magistratura e, viste le condizioni di pericolo in atto, la capitaneria di porto ha emesso un’ordinanza di interdizione alla navigazione per un raggio di 250 metri dalla sommità del molo quattro. Da parte sua, Arcelor Mittal ha fatto sapere in una nota che “stiamo collaborando con le Autorità e i soccorritori e siamo in contatto con la famiglia e i colleghi, cui stiamo fornendo tutto il supporto possibile. Le indagini per determinare la causa esatta della caduta della gru sono in corso”.

E oggi è iniziata la prima giornata di mobilitazione dei dipendenti dell’ex Ilva che mercoledì sera, dopo aver appreso quanto accaduto, hanno annunciato uno sciopero che proseguirà anche nei prossimi giorni. L’agitazione sta già raccogliendo grande adesione ed è stata dichiarata dalle segreterie e dalle Rsu e Rls (rappresentanza lavoratori sicurezza) dei sindacati dei metalmeccanici di Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm Uil e Ugl di Taranto: “Ormai da anni – scrivono i sindacati – assistiamo a continui rinvii e mancanza di assunzioni di responsabilità da chi è deputato a garantire la sicurezza della fabbrica dal punto di vista del rispetto della vita umana”.

Fim, Fiom, Uilm e Ugl  hanno fatto sapere che “la forma di protesta messa in atto quest’oggi non terminerà sino a quando azienda, istituzioni locali, regionali e nazionali e organi di controllo, ognuno per il proprio ruolo, forniranno le dovute indicazioni a garanzia dei lavoratori e cittadini di questo territorio. Chiediamo, pertanto, l’immediata convocazione di un tavolo istituzionale straordinario che assuma decisioni e provvedimenti che cambino radicalmente lo stato di cose presenti all’interno dello stabilimento siderurgico”. La Usb, invece, ha proclamato un primo pacchetto di ore di sciopero di tutto lo stabilimento e dell’appalto Arcelor, a partire dalle 23.00 di ieri e fino alle 7.00 del 15 luglio: “L’ennesima immane tragedia conferma l’assoluta pericolosità in cui versano gli impianti gestiti da ArcelorMittal Italia”, scrive l’Usb precisando che “meno di 24 ore fa abbiamo consegnato un cd al ministro Luigi Di Maio contenente 170 foto e 70 video che attestano lo stato fatiscente degli impianti dello stabilimento. Al Ministro abbiamo chiaramente detto che ad oggi non ci sono le condizioni di sicurezza necessarie per coloro che lavorano all’interno di una fabbrica che oramai è ridotta ad un cumulo di rottame”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, adesivo di Gesù per coprire la targa dello scooter. Il video del consigliere dei Verdi: “Situazione fuori controllo”

next
Articolo Successivo

Brindisi, la forza del vento trascina un traghetto in partenza per la Grecia. Le immagini sono impressionanti

next