Condannato da un tribunale svizzero perché il suo “chicchirichì” infastidiva il vicinato. Si tratta, ovviamente, di un gallo. La campagna, si sa, è sinonimo di pace e di tranquillità ma il pennuto che vive nelle verdi zone intorno a Zurigo forse, in cuor suo, ha sempre pensato di essere una rockstar: cantava 44 volte al giorno e i vicini hanno fatto causa. All’alba e al tramonto, il gallo cantava, con una notevole potenza (fino a 84 decibel). Non è affatto male immaginare la scena del gallo vestito in abito sul banco degli imputati: “Signor Gallo, il suo continuo cantare aveva l’obiettivo di disturbare i vicini?”. Scherzi a parte, la sentenza parla chiaro: il pennuto potrà cantare solo in certi orari (8-22 giorni feriali, 9 festivi). E il suo proprietario dovrà far insonorizzare la stalla e chiuderci l’animale. A volerla vedere il modo positivo per il gallo, sarà così libero di dedicarsi alle sue “prove” senza essere disturbato da nessuno. Lui.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonella Clerici fuori dai palinsesti Rai si sfoga: “Passare a Mediaset? Adorerei il bancone di Striscia la Notizia”

next
Articolo Successivo

Valentina Cortese, morta a Milano la diva del cinema italiano

next