Il sistema operativo proprietario di Huawei potrebbe essere più veloce di Android, ma ha bisogno di un proprio app store, parola di Ren Zhengfei, fondatore e amministratore delegato dell’azienda cinese. L’affermazione non risulta nuova, perché è in linea con i contenuti di un recente articolo del giornale GlobalTimes, secondo cui i test del nuovo sistema operativo avrebbero dimostrato una velocità superiore del 60% rispetto ad Android.

Nonostante la parziale tregua concessa a Huawei dal Presidente statunitense Donald Trump, le nubi sui rapporti futuri fra Google e l’azienda cinese non si sono dissipate: a prescindere dall’evoluzione politica della faccenda, Huawei procede con il progetto che potrebbe renderla più indipendente dai fornitori statunitensi.

La concentrazione è tutta su HongMeng, il sistema operativo proprietario. Zhengfei ha sottolineato che non è progettato solamente per funzionare sugli smartphone, bensì per tutti i dispositivi che necessitano di un sistema operativo, dai router agli accessori dell’Internet degli Oggetti, passando per i computer di bordo delle automobili.

Il problema è che al momento non esiste un’alternativa altrettanto valida al Play Store di Google. È noto che c’erano stati dei contatti fra l’azienda cinese e Aptoide, azienda portoghese produttrice dell’omonimo negozio di app Android, alternativo al Play Store. Non è noto a che punto sia la collaborazione, ma secondo indiscrezioni recenti non ufficializzate, Huawei avrebbe chiesto agli sviluppatori di app di creare una versione dei loro software compatibile con il suo AppGallery. L’obiettivo, se l’informazione fosse confermata, sarebbe di popolare il negozio proprietario almeno con le applicazioni più popolari.

In mancanza di certezze, non resta che attendere il 19 agosto, quando scadrà la proroga di 90 giorni concessa dal Dipartimento del Commercio, per valutare gli sviluppi concreti sul futuro di Android sugli smartphone Huawei. Fermo restando che qualsiasi novità o cambiamento riguarderà i prodotti di nuova produzione, non quelli già venduti, per i quali non cambia nulla.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google progetta il pulsante globale per zittire i video automatici nel browser Chrome

prev
Articolo Successivo

Apple sperimenta il riconoscimento biometrico per accedere alla versione web di iCloud

next