L’annuncio di Google relativo alla sospensione del supporto ai servizi Google Play Store per i prodotti Huawei sta sollevando decine di domande fra i consumatori. Prima fra tutta, coloro che posseggono già uno smartphone dell’azienda cinese chiedono se potranno ancora aggiornarlo, o se dovranno fare a meno di tutti i servizi di Google.

Huawei ha appena diffuso una nota ufficiale in cui puntualizza che gli smartphone già in commercio continueranno a funzionare regolarmente e sarà garantita l’assistenza post vendita.

Huawei ha apportato sostanziali contributi allo sviluppo e alla crescita di Android in tutto il mondo. Come uno dei principali partner globali di Android, abbiamo lavorato a stretto contatto con la loro piattaforma open source per sviluppare un ecosistema che ha avvantaggiato sia gli utenti che l’industria. Huawei continuerà a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi post-vendita a tutti gli smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti che coprono quelli già venduti o ancora disponibili a livello globale. Continueremo a costruire un ecosistema software sicuro e sostenibile, al fine di fornire la migliore esperienza a tutti gli utenti a livello globale.”

La nota fa il paio con quanto già dichiarato da Google, che aveva appunto confermato il fatto che il Play Store e i servizi di sicurezza Play Protect continueranno a funzionare sui dispositivi Huawei già in commercio.

In sostanza, per chi ha già uno smartphone Huawei non cambia nulla: gli aggiornamenti del sistema operativo continueranno ad essere disponibile, è sarà possibile continuare a fruire dei servizi di Google, come se niente fosse successo.

Il punto di domanda resta sui prodotti non ancora commercializzati, continueremo a seguire la vicenda e vi aggiorneremo tempestivamente non appena ci saranno informazioni certe e ufficiali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google rompe con Huawei dopo il bando di Trump: stop aggiornamenti Android. Cina: “Sosterremo azioni legali”

prev
Articolo Successivo

Rainbow Six Pro League: il Team Empire trionfa nella spettacolare finale milanese

next