Alexis Tsipras si è dimesso. Ieri era non ha aspettato nemmeno i risultati finali delle elezioni per rinnovare il parlamento, a due ore dalla chiusura dei seggi, con meno del 40% dei voti scrutinati, ha fatto il suo discorso davanti alla stampa. Un breve bilancio di questi anni, l’orgoglio di aver lasciato un paese, preso sull’orlo della bancarotta, con il Pil in crescita di oltre 2 punti percentuali. Tsipras va via, ma annuncia ‘ho imparato a rialzarmi‘. Intanto già oggi riceverà Kyriakos Mitsotakis leader del partito conservatore e nuovo primo ministro.

Tsipras diviene primo ministro nel gennaio del 2015. Pochi mesi dopo fa un passo indietro ma solo per essere immediatamente rieletto. A luglio dello stesso anno c’è stato il referendum sulle regole imposte dalla Troika alla Grecia. Syriza vince di nuovo. Vince tutto. Ma Tsipras deve accettare le riforme ‘lacrime e sangue’ imposte da Bruxelles. E lo scorso maggio, alle Europee, il partito della sinistra radicale perde il primato. Così Syriza chiede elezioni anticipate e ieri Nea Demokratia vince le elezioni politiche con il 39%

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Seehofer chiede all’Italia di aprire i porti. Nel 2017 voleva chiudere il Brennero. Ed era a favore della marcia anti-migranti

prev
Articolo Successivo

Egitto, nei sei anni di al-Sisi una repressione senza precedenti

next