Inserire la password ogni volta che ci si collega al sito Internet di iCloud è una scocciatura. Certo, c’è l’app che è più pratica, ma ricorrere alla versione web serve, ad esempio, quando bisogna controllare informazioni da un dispositivo sconosciuto. Presto anche questo fastidio sparirà: Apple sta testando nella versione beta di iCloud l’uso di Face ID o Touch ID per accreditarsi.

Basterà una scansione del viso o dell’impronta digitale per accedere al proprio archivio online, da un prodotto Apple compatibile su cui è installato il browser Safari. Sono compatibili computer Mac, tablet iPad e smartphone iOS. Chi ha accesso alla beta di iOS 13 e macOS Catalina, aprendo iCloud vede già un nuovo popup che propone l’accesso utilizzando l’Apple ID.

Immagine: 9to5mac

 

Il sito specializzato 9to5mac indica questa novità come un ingegnoso tentativo di ampliare l’uso dell’Apple ID. Per chi ha difficoltà a ricordare le password è sicuramente una buona idea in virtù della semplicità richiesta. Anche per chi non ha problemi di memoria, però, è una soluzione da prendere in considerazione, perché è comunque un metodo più sicuro rispetto all’inserimento manuale delle credenziali di accesso. Nel caso un hacker sia riuscito a installare sul dispositivo un keylogger, infatti, sarebbe in grado di vedere che cosa si digita, quindi rubare i dati d’accesso.

Al momento non ci sono conferme ufficiali circa la disponibilità su larga scala di questa nuova funzione. Secondo i bene informati, l’aggiornamento potrebbe avvenire a partire dal mese di settembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Huawei: sistema operativo proprietario più veloce di Android, ma serve un’alternativa al PlayStore

prev
Articolo Successivo

La Cina controlla gli smartphone a chi entra nel Paese. Sicurezza o clima del terrore?

next