Jonathan Ive, probabilmente l’uomo più iconico di Apple dopo Steve Jobs, lascia Apple. Per chi non lo conoscesse, è la persona a cui si deve il design dei prodotti che hanno fatto grande Apple, dagli iPhone ai Mac, passando per iPod e molto altro. Dopo quasi trent’anni ha rassegnato le dimissioni avviando quello che per l’azienda si anticipa come un cambiamento epocale.

A quanto pare fonderà l’azienda LoveFrom, che si occuperà, tanto per cambiare, di design hi-tech, e stando alla nota ufficiale diffusa da Apple dovrebbe proseguire la sua collaborazione con l’azienda di provenienza, in qualità di consulente esterno. L’importanza di Ive non è mai stata messa in discussione in Apple, e proprio i dispositivi che portano la sua firma sono non solo i testimoni del ruolo di primo piano che aveva, ma il suo biglietto da visita. Vediamo quindi nelle prossime pagine alcune delle sue migliori “opere d’arte” hi-tech.

Jonathan Ive, il designer che ha fatto grande Apple, ha rassegnato le dimissioni

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il robot in miniatura RoboBee vola da solo alimentandosi con la luce

prev
Articolo Successivo

Mercato dei videogiochi in crescita, aumenta l’impiego per la formazione e la didattica

next