Si facciano avanti gli appassionati di automobiline elettriche, grandi e piccini, perché nei negozi Apple di tutto il mondo è arrivato, in esclusiva, il kit Hot Wheels Smart Track che si controlla con lo smartphone. O meglio, con iPhone. L’app di controllo è gratuita per iPhone e iPad, basta scaricarla dall’App Store. Pista e macchinine sono realizzate dal celebre produttore di giochi Mattel, e fanno parte della storica gamma Hot Wheels.

Rispetto alle piste e alle macchinine comuni, queste sono dotate di tag NFC, quelle piccole etichette che, attaccate a un oggetto, ne permettono la connettività bidirezionale senza fili a breve distanza. Proprio grazie ai tag, l’app riconosce e fa funzionare le automobiline in accoppiata con il componente Hot Wheels Race Portal.

L’applicazione è di fatto un garage virtuale, che tiene conto anche di velocità, giri di pista portati a termine e altri dati sulle macchinine del proprio parco auto, sfruttando i sensori a infrarossi di cui sono dotati tutti gli accessori, oltre che la connessione Bluetooth. Inoltre, monitora i progressi registrando le corse vinte, le acrobazie eseguite e le velocità massime raggiunte. Il vantaggio di acquistare il kit sarebbe il booster incluso per il lancio delle vetture che viene definito come il più veloce e potente in grado di tracciare distanza percorsa e velocità. Da notare che il componente Hot Wheels Race Portal può rendere smart anche le precedenti piste del marchio.

Per il momento l’applicazione è disponibile solo per dispositivi con sistema operativo iOS, ma abbiamo notizia che arriverà presto anche sui dispositivi Android. Passiamo ai costi: Hot Wheels Smart Track Kit si può acquistare solo negli Apple Store e sul negozio online di Apple al prezzo di 189,95 euro, comprensivo di due macchinine. Altri modellini si possono comprare separatamente al costo di 7,95 euro ciascuno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Un robot del MIT che sa se un oggetto è morbido o tagliente prima di afferrarlo

prev
Articolo Successivo

Dove ho parcheggiato l’auto? L’assistente di Google ricorda la posizione per voi, basta chiedere

next