Era il 12 febbraio del 2018. Matteo Renzi era segretario del Partito democratico e a Firenze, dal palco, è pronto a tirare la volata al proprio partito in vista delle elezioni del 4 marzo. In platea, l’allora ministro dell’Interno, Marco Minniti. Ed è proprio all’ex titolare del Viminale che si rivolge il senatore di Scandicci in tema di gestione dei flussi migratori: “Se gli sbarchi sono venuti meno è grazie all’intelligente azione di contrasto di questo periodo. Il Pd non ha alcuna remora a dire grazie a Minniti e al governo (Gentiloni, ndr) per il lavoro straordinario che è stato fatto“. Peccato, però, che proprio oggi, con una lettera pubblicata su Repubblica, Renzi abbia accusato il Pd di “aver esasperato il tema degli sbarchi”, considerati “minaccia alla democrazia”, e allo stesso tempo di “non aver posto la fiducia sullo ius soli”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, la guerra delle botticelle arriva in Parlamento. La Lega contraria ai divieti. Prestipino (Pd): “Sarà il Vietnam”

prev
Articolo Successivo

Famiglia, il leghista Fontana: “Assegno da 100-300 euro per figli fino a 26 anni”. Fonti M5s: “Gioca a tombola”

next