Era il 12 febbraio del 2018. Matteo Renzi era segretario del Partito democratico e a Firenze, dal palco, è pronto a tirare la volata al proprio partito in vista delle elezioni del 4 marzo. In platea, l’allora ministro dell’Interno, Marco Minniti. Ed è proprio all’ex titolare del Viminale che si rivolge il senatore di Scandicci in tema di gestione dei flussi migratori: “Se gli sbarchi sono venuti meno è grazie all’intelligente azione di contrasto di questo periodo. Il Pd non ha alcuna remora a dire grazie a Minniti e al governo (Gentiloni, ndr) per il lavoro straordinario che è stato fatto“. Peccato, però, che proprio oggi, con una lettera pubblicata su Repubblica, Renzi abbia accusato il Pd di “aver esasperato il tema degli sbarchi”, considerati “minaccia alla democrazia”, e allo stesso tempo di “non aver posto la fiducia sullo ius soli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, la guerra delle botticelle arriva in Parlamento. La Lega contraria ai divieti. Prestipino (Pd): “Sarà il Vietnam”

next
Articolo Successivo

Famiglia, il leghista Fontana: “Assegno da 100-300 euro per figli fino a 26 anni”. Fonti M5s: “Gioca a tombola”

next