Italiani testimoni di un incidente d’auto? Omertosi: lo dice un’indagine che Facile.it ha commissionato agli istituti di ricerca mUp Research e Norstat e che ha coinvolto un campione di oltre 1.200 persone comprese fra 18 e 74 anni. Ne emerge che il 55,7% dei nostri connazionali che assiste a un incidente non lascia i propri dati né alle autorità né alle persone implicate nell’accaduto. Tuttavia, “la disponibilità a farsi coinvolgere vari notevolmente a seconda del tipo di sinistro di cui si è stati spettatori involontari”, spiega una nota ufficiale.

In pratica, quando l’incidente ha causato solo danni ai veicoli, il 63,7% del campione analizzato ha dichiarato di essersi dileguato. Viceversa, in caso di sinistro con feriti la percentuale di chi ha collaborato con le autorità aumenta notevolmente: “solo” il 40% se ne è andato senza lasciare i dati necessari per poter essere rintracciato. Inoltre, se nel misfatto erano coinvolte categorie deboli – come i pedoni, siano essi feriti in modo grave o meno – il 67,4% dei rispondenti ha asserito di essersi fermato per dare la propria disponibilità a testimoniare.

Sono maggiormente le donne (58% contro il 53,3% degli uomini) e le persone più mature (tra 60 e 74 anni) a trasgredire alle regole dell’educazione civica. Al contrario, gli intervistati con età compresa fra i 25 e i 34 anni prestano maggiormente la propria disponibilità a deporre (52,8%). “Dividendo il campione per aree geografiche, i residenti al Nord Est con solo il 40,4% dei rispondenti che ha detto di aver dato disponibilità a testimoniare in merito all’incidente cui avevano assistito, sono risultati quelli che meno spesso sono stati coinvolti nelle fasi successive al sinistro”, spiega l’indagine: “Nel Nord Ovest, invece, risiedono quelli che, proporzionalmente, si sono più spesso trovati a testimoniare l’accaduto (46%)”.

Per quale motivo si decide di girare la testa dall’altra parte? Il 42% del campione ritiene inutile lasciare i propri riferimenti; il 20,5% perché non ha ricevuto richiesta esplicita di testimoniare, mentre il 13,1% perché ha già notato altri testimoni o (6% dei casi) ha riscontrato il pronto intervento delle autorità. C’è anche un 10,7% del campione che, in situazione simili, non ha ritenuto di aver visto abbastanza, che non si poteva fermare (5,5%) o non voleva correre rischi o avere “fastidi” successivi (3,2%). “Guardando alla sola fetta di testimoni che hanno lasciato i propri dati, la ragione principale dichiarata in fase di indagine è proprio il senso civico (36,3%)”, sostiene la ricerca: “Da evidenziare anche come circa il 7% lo abbia fatto perché gli sia stato esplicitamente richiesto e, ancora, come appena l’1% dei rispondenti dichiari di aver lasciato i propri dati perché, semplicemente, questo è ciò che prevede il codice della strada, anche se a ben vedere non sempre l’obbligo esiste”.

Da notare, poi, che il 62,5% dei testimoni disponibili a raccontare l’accaduto non sia mai stato ricontattato dalle autorità o da chi era coinvolto nell’incidente, mentre un 20% scarso si sia rimangiato la disponibilità a dichiarare quanto visto. Per la legge, comunque, l’obbligo a testimoniare esiste solo in seguito ad una citazione nell’ambito di un processo e ciò presuppone che il testimone abbia lasciato i propri contatti o sia stato identificato. In caso contrario, la testimonianza resta a discrezione del cittadino. Questione diversa è il soccorso nel caso in cui un soggetto assista a un incidente stradale grave: l’intervento del cittadino, allora, diventa obbligatorio ed i trasgressori rischiano fino a un anno di reclusione e una multa fino a 2.500 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dieselgate, in Germania un nuovo caso che riguarda Audi. L’accusa di Handelsblatt e Bayerische Rundfunk

next
Articolo Successivo

Viaggi estivi, la sicurezza passa anche per abbigliamento e posture. Tutti i consigli

next