La Camera ha rinnovato il finanziamento della missione in Libia e il sostegno alle motovedette libiche con 387 sì, 16 no e 3 astensioni. Il Pd, per evitare di spaccarsi anche in Aula, ha deciso di astenersi: “Non ci sono più le condizioni per votare a favore”, ha detto il capogruppo dem Graziano Delrio, disconoscendo così l’accordo sostenuto nella scorsa legislatura dall’ex ministro dem Marco Minniti. Montecitorio ha invece approvato all’unanimità la deliberazione del Consiglio dei ministri sulla partecipazione dell’Italia a missioni internazionali nel 2019, con 505 voti favorevoli. Il voto si è svolto in più tranche su richiesta dell’opposizione.

Nel corso della discussione non sono mancati momenti di tensione: il deputato Giancarlo Iezzi (Lega) ha accusato i deputati saliti a bordo della Sea Watch, tra cui i democratici Delrio e Orfini, di aver “dato copertura politica a un tentativo di uccidere agenti della Guardia di finanza”. Il presidente della Camera Ettore Rosato, ha definito “inqualificabili” tali parole e ha annunciato che saranno “oggetto di valutazione dell’Ufficio di presidenza”. Presente in Aula anche la ministra della Difesa Elisabetta Trenta.

L’astensione Pd – Per il Partito democratico la decisione di non partecipare al voto è arrivata dopo lunghe discussioni interne e ulteriori spaccature. L’accordo che riguarda il finanziamento alla Libia e alle sue motovedette, è quello già sottoscritto nella scorsa legislatura dall’ex ministro Pd dell’Interno Marco Minniti. La scelta di astenersi è stata comunicata dal capogruppo Graziano Delrio: “Non parteciperemo al voto perché non ci sono le condizioni”, ha detto. “Il governo dovrebbe fare uno scatto di qualità e chiedere maggiori garanzie, fare più azioni attive come chiedere la convocazione dell’ambasciatore o del Consiglio di sicurezza. Quindi abbiamo fatto un documento unitario e la nostra posizione sarà unitaria”. Il capogruppo ha aggiunto: “Da Mare sicuro a Sofia, alla stabilizzazione al controllo nei campi di raccolta soprattutto all’attività della cosiddetta Guardia costiera libica, tutte queste iniziative sono state sostanzialmente abbandonate, non c’è più vigilanza e quindi l’approccio integrato che si era scelto di fare con gli accordi precedentemente sottoscritti, non è più rispettato”. Poco dopo anche il gruppo del Pd al Senato ha fatto sapere di aver approvato il documento sulle missioni all’estero, che già il gruppo della Camera ha fatto proprio, in cui di afferma che “non ci sono più le condizioni” per proseguire la cooperazione con la Guardia costiera libica. Data la diversità del Regolamento di Palazzo Madama rispetto a quello di Montecitorio, il documento verrà trasformato in un Ordine del giorno da presentare in Aula.

La deputata e capogruppo Pd in commissione Esteri alla Camera Lia Quartapelle ha specificato: “Le missioni in Libia sono fondamentali, ma operano in un contesto ad alto rischio. Ad oggi il governo italiano non sta facendo nulla per stabilizzare e aiutare la pace. La strada è chiara: gli accordi tra Italia e Libia firmati da Gentiloni nel 2017. Siccome il governo ha nei fatti stracciato quegli accordi ci asterremo sulla missione della guardia costiera libica perché non abbiamo avuto abbastanza rassicurazioni. Continueremo invece il nostro sostegno per le missioni Onu, Ue e l’ospedale di Misurata”.

Ha esultato su Facebook l’ex presidente Pd Matteo Orfini secondo cui, l’astensione, è un risultato importante per ricompattare il gruppo: “Una battaglia che avevamo cominciato in pochi e che è divenuta la posizione di tutto il Pd, grazie alla capacità di ascoltarsi che per una volta abbiamo dimostrato. È un primo passo importante”, ha scritto. Quindi ha ringraziato anche “i parlamentari del Pd e di altri partiti con il quale abbiamo scritto la risoluzione trasversale che ha aperto questa riflessione”. E ha concluso: “Questa vicenda dimostra una piccola cosa alla quale tengo molto: mai avere paura di discutere tra noi, anche dei temi più spinosi. Oggi su questi temi il Pd è un po’ più credibile nella costruzione di un’alternativa a Matteo Salvini. È solo l’inizio, ma è un buon inizio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, Iezzi (Lega): “Deputati sulla nave? Copertura politica a tentativo di uccidere agenti Gdf”. Bagarre in Aula

prev
Articolo Successivo

La denuncia di Mollicone FdI su dress code colleghe: “Rispettino l’Aula, non siamo al mare”

next