Matteo Renzi che dal “4 dicembre non ha ritrovato il filo”, gli incontri con Giancarlo Giorgetti e Francesca Verdini e quindi la previsione sul futuro del governo Lega-M5s. Nelle intercettazioni captate dal trojan installato sul telefono del pm Luca Palamara durante un incontro con Luca Lotti, l’ex sottosegretario dem immagina le strategie politiche future, racconta dei faccia a faccia con il leghista che ha preso il suo posto da un anno e con la compagna del ministro dell’Interno Matteo Salvini e si lascia andare a un commento sulla ‘visione’ dell’ex premier Renzi. 

“Lui dal 4 dicembre non ha ritrovato il filo… dopodiché l’unico che ha i numeri per ritrovare il filo… si lo sappiamo tutti […] è un po’ come un Ronaldo che…”, dice il fedelissimo del Giglio Magico al magistrato romano, indagato a Perugia nell’inchiesta sulle nomine del Csm. Dai dialoghi, pubblicati da La Verità nelle edizioni di sabato e lunedì, emerge come, secondo Lotti, Renzi avrebbe dovuto restare in disparte dopo il k.o. al referendum costituzionale del 2016.

Palamara, a un certo punto, lo incalza facendo un paragone con la sua storia dopo la presidenza della Anm: “È un po’ come ho fatto pure io che so’ stato in disparte… mo’ adesso sto rimettendo la testa fuori… porto, porto”. Quindi Lotti: “È così, bravo… qual è il problema, che te l’hai capito… Matteo secondo me ancora non è su questa linea”. “Faccio vince’ la squadra – aggiunge Palamara – La se ricompatta, no? Eh… questo…”.  E ancora l’ex sottosegretario: “Luca, Matteo non è su questa linea… mi dispiace”. 

Palamara è molto interessato anche alle sorti del governo, a una possibile crisi e Lotti risponde su tutto, compresi gli scenari che a quel punto di aprirebbero per i dem. Lo spiega tra a tarda sera, tra il 15 e il 16 maggio, quando mancano dieci giorni alle Europee. Il magistrato, durante una cena, si chiede “questi così come fanno ad andare avanti” e chiede a Lotti di “fargli capire” perché “adesso stanno esagerando”. A quel punto, l’ex sottosegretario racconta dei suoi incontri con Giorgetti e la figlia di Denis Verdini, a lungo stampella del Pd al Senato nella scorsa legislatura: “Eh lo so ho visto Giorgetti prima, poi Francesca Verdini mi ha detto che poi ti racconterò… loro se non fanno il 35loro vanno avanti Luca”. Per Lotti, stando all’intercettazione, il proseguo del governo non sarebbe un problema per il Pd, anzi: “Che è un bene anche per noi.. che non saremmo mai pronti ora”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Di Maio non si presenta al cdm. Salvini se ne va a riunione in corso

next