Almeno 12 persone sono morte negli ultimi giorni dopo aver contratto una rara infezione batterica da streptococco e nel Regno Unito le autorità sanitarie hanno lanciato subito l’allarme. Oltre 32 i casi di contagio accertati al momento tutti nell’Essex: la malattia è stata individuata come streptococco invasivo di gruppo A, iGAS, come riferisce il New York Times che dà la notizia. “Chiedi aiuto immediatamente se hai questi sintomi“, è l’appello lanciato dai medici che hanno messo in allerta tutti coloro che presentano come sintomi mal di gola, ingrossamento dei linfonodi nel collo, tonsille dilatate, eruzioni cutanee, raccolte di pus sulle tonsille, minuscole chiazze rosse sul palato, mal di testa e dolori addominali.

L’ospedale NHS Mid Essex, che sta affrontando l’emergenza, ha fatto sapere che finora circa un terzo delle persone a cui è stata diagnosticata questa rara malattia ad oggi è morta. I batteri possono annidarsi in gola e sulla pelle e hanno una forte resistenza, riuscendo a vivere abbastanza a lungo da diffondersi facilmente tra le persone attraverso starnuti, baci ma anche un semplice contatto di pelle. La Sanità pubblica britannica ha diramato mercoledì un’avviso di “alto rischio” di ulteriori morti a seguito “dell’epidemia in corso”.

Parlando con Metro.co.uk, una portavoce dell’ospedale ha spiegato che i sintomi che le persone dovrebbero cercare di riconoscere sono quelli dei “batteri in una ferita”: “Se c’è una differenza in una ferita, quello potrebbe essere un sintomo. Esaminate i dolori addizionali, il rossore intorno all’esterno, il calore in eccesso o lo scarico dalla zona della ferita. Altri sintomi includono febbre o sensazione di malessere generale, stanchezza o perdita di appetito. Alcune persone potrebbero presentare uno solo sintomo”. Le autorità sanitarie consigliano alle persone di avvisare immediatamente il medico di famiglia se ritengono di avere uno dei sintomi sopra elencati. I medici generici possono quindi prelevare il sangue o tamponare l’area infetta per vedere se si è in presenza di un’infezione iGAS.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gatto viene messo in lavatrice e sottoposto a una centrifuga di 35 minuti: è vivo

prev
Articolo Successivo

Uomo attaccato da un orso resta vivo nella tana e aspetta che l’animale torni a finirlo: “Sono sopravvissuto bevendo la mia urina”

next