Vi siete permessi di entrare in casa nostra senza invito né tanto meno permesso, spaventando le mie bambine. Capisco il vostro lavoro, ma così non si fa! È la seconda volta che violate la mia privacy in questo modo. Tutto questo per 2,3 foto del cazzo“. È andata davvero su tutte le furie Giulia De Lellis dopo aver visto le foto pubblicate in esclusiva dal settimanale “Chi” che la ritraggono in atteggiamenti molto intimi con Andrea Iannone, il pilota di MotoGp ex fidanzato di Belen Rodriguez con cui ha una relazione da qualche tempo. Gli scatti dei due in costume a bordo piscina nella casa in Sardegna dell’influencer sono stati infatti “rubati” dai paparazzi di Alfonso Signorini.

La cosa non è piaciuta affatto a Giulia De Lellis che ha pubblicato il suo sfogo nei commenti al post pubblicato dall’account ufficiale di Chi con i primi scatti in anteprima: “Foto di un qualcosa poi reso serenamente pubblico. Tutto questo per dirvi che non ci sto, e che ci vedremo presto nelle sedi opportune. Ps: Le mie ragazze questo giornale non lo guardano neanche quando mi mettete con le tette al vento perché se vogliono sapere qualcosa di mio vengono da me, sul mio profilo. Io faccio sempre prima di voi, sempre!”. L’influencer infatti aveva già pubblicato sul suo profilo Instagram foto e video in compagnia di Iannone, in cui i due si mostravano molto complici nella vacanza che stanno vivendo insieme con anche la sorella della De Lellis e le sue due figlie piccole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Katia Follesa operata al cuore: “Credevo di morire”

next
Articolo Successivo

Morgan, lo sfogo prima dello sfratto: “Né gli amici né i colleghi hanno mosso un dito per aiutarmi”

next