Katia Follesa è stata operata al cuore. A dare la notizia è stata la stessa attrice del duo comico “Katia e Valeria” pubblicando una foto su Instagtram in cui si mostra in un letto d’ospedale con gli elettrodi attaccati al petto ma sempre sorridente. L’intervento si è reso necessario perché da qualche anno ha scoperto di soffrire di cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva congenita: “La vera preoccupazione è il mio naso e che sono a digiuno da due giorniiiiiiii…… – ha scritto Katia nel post – Grazie infinite al Gruppo Ospedaliero di San Donato un Presidio di ricerca eccellente che mi tiene a bada e che mi fa vivere al meglio la mia vita! Attraverso la ricerca ho imparato molte cose soprattutto a prendermi cura di me in particolare del mio cuore che ogni tanto richiede coccole! Grazie alla Dottoressa del mio cuore la Cardiologa Serenella Castelvecchio, al Dott. Leorenzo Menicanti il Cardiochirurgo piu affascinante della terra e al Professor Carlo Pappone, luminare dell’aritmologia che ha elaborato il mio cuore con un motore da Formula 1!!! Il tempo di mangiare qualcosa e mi rialzo! Onorata di rappresentare il Gruppo Ospedaliero di San Donato”.

L’attrice aveva rivelato qualche anno fa i suoi problemi al cuore spiegando di averli scoperti nel 2006, quando un pomeriggio improvvisamente le si è appannata la vista e non ha più sentito il cuore: “Credevo di morire — ha raccontato Katia Follesa—. La cosa buona che ho fatto, dopo aver pensato che stessi per morire, appunto, è stata andare subito, quel pomeriggio stesso, in ospedale. All’inizio mi avevano detto che non avevo niente. Anzi, la cardiologa era quasi un po’ scocciata. Ma ho deciso di approfondire e si è scoperto così che avevo questa patologia, la stessa di mio padre”. Così ha iniziato una terapia “che dovrò continuare a vita“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Amore al tempo delle App, Costantino Della Gherardesca: “Dallo psicanalista tutti parliamo di drammi da dating app. Vedi Jake Gyllenhaal e poi incontri Alvaro Vitali”

prev
Articolo Successivo

Giulia De Lellis furiosa contro il settimanale Chi: “Vi siete permessi di entrare in casa nostra per due o tre foto del caz***”

next