“La decisione del Tribunale di Torino è una vittoria delle Ypg e Ypj”, cioè l’Unità di protezione popolare e l’Unità di protezione delle donne, milizie del Fronte siriano democratico. Lo ha dichiarato Maria Edgarda Marcucci, detta Eddi, commentando il decreto con cui i giudici hanno respinto la proposta di sottoporre a sorveglianza speciale due antagonisti torinesi, Davide Grasso e Jacopo Bindi, che si sono uniti in Siria alle milizie curde in lotta contro lo Stato Islamico. Per altri tre, invece, bisognerà aspettare la valutazione su alcuni fatti recenti.  “Dobbiamo questa vittoria primo fra tutti a Lorenzo Orsetti che cadendo sul campo di battaglia il 18 marzo contro i miliziani dell’Isis, con la stessa uniforme che alcuni di noi hanno indossato, ha indirettamente acceso su questa vicenda dei riflettori che altrimenti sarebbero stati spenti”, ha dichiarato nel corso dell’incontro. Per questa ragione “saremo a Firenze domenica 23 giugno alla Società di mutuo soccorso di Rifredi per rendere omaggio a Orsetti, partigiano di questa generazione e di questo secolo, combattente per la libertà in tutto il mondo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gela, morta la seconda donna ferita nell’esplosione di una bombola nel mercato rionale

prev
Articolo Successivo

Lampedusa, “nave madre” trasborda 81 migranti sul barchino e si dirige verso la Libia: “Fermata, catturati sette scafisti”

next