Mentre la nave Sea Watch con 43 migranti a bordo è ancorata da nove giorni a 15 miglia al largo, nelle ultime ore 100 persone sono sbarcate a Lampedusa con imbarcazioni di fortuna. I primi 81 migranti sono arrivati all’alba di stamane con un gommone dopo che un peschereccio li ha lasciati in prossimità della costa per poi tentare di fare rientro verso le coste del Nord Africa. “Hanno dichiarato di esser partite dalla Libia/Zuwara – fa sapere Mediterrean Hope – sono originarie di Bangladesh, Senegal, Algeria, Siria, Marocco, Tunisia e Libia” e tra loro ci sono anche 4 donne e 3 bambini. Subito dopo si sono registrati altri due “mini sbarchi”, con 12 e 7 migranti arrivati sull’isola con dei piccoli gommoni. Non è chiaro se anche loro siano collegati alla “nave madre”, il peschereccio intercettato e sequestrato da una motovedetta della Guardia di Finanza.

Solo giovedì un’altra imbarcazione con 45 persone a bordo era arrivata nell’isola approdo della maggior parte delle carrette del mare che partono dalla Libia. A intercettarla, ormai sotto costa, erano state delle motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, violenze fisiche e psicologiche su bambini dell’asilo: sospese sei maestre

next
Articolo Successivo

Sea Watch, Onu all’Italia: “Faccia sbarcare i migranti, è obbligo sancito dalle norme internazionali”

next