Un emendamento approvato dell’assessore alla Mobilità Marco Granelli che rappresenta “una svolta significativa”. E cioè abolisce il biglietto per cani e gatti che saliranno a bordo dei mezzi pubblici di Milano “sull’intera rete e senza limiti d’orario”. La norma in questione è stata proposta dal leghista Gabriele Abbiati con Alessandro De Chirico e Gianluca Comazzi di Forza Italia e riceverà il via libero definitivo lunedì, scrive il Corriere della Sera. “La giunta – spiega Granelli – si è detta favorevole perché gli animali d’affezione fanno parte a tutti gli effetti delle famiglie milanesi che oramai usano i mezzi pubblici non solo per andare al lavoro ma per vivere insieme la città”. L’attuale regolamento prevede il pagamento di un biglietto, fatta eccezione per i cani di accompagnamento di non vedenti e, in alcune fasce orarie, per cani di piccola taglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Controlli dei Nas in circa 500 locali etnici in tutta Italia: la metà sono irregolari. Sequestrate 128 tonnellate di cibo

prev
Articolo Successivo

Genova, la nave saudita è pronta a riprendersi le armi: “Sono destinate per la guerra in Yemen, da qui non passa”

next