ll CERN, l’organizzazione di ricerca che gestisce il Large Hadron Collider (LHC), ha annunciato tramite un post di Emmanuel Ormancey (responsabile architetture di sistema del CERN), l’intenzione di abbandonare il software di produttività Microsoft a favore di soluzioni open source, con il progetto Microsoft Alternatives (MAlt). Il motivo, si legge nel messaggio, sono i costi.

Nel corso degli anni il CERN ha fatto sempre più uso di software e soluzioni commerciali in virtù delle condizioni finanziarie vantaggiose basate sul riconoscimento dello status del CERN come istituto accademico, senza fini di lucro. Queste condizioni consentivano all’istituto di rientrare nei costi, nonostante l’elevato numero di licenze necessarie per soddisfare le necessità dell’ampia comunità di collaboratori. Dopo 20 anni, tuttavia, Microsoft ha deciso di ‎spostare il CERN da un regime di prezzi accademico a un sistema di licenze per utente, tipico delle imprese. Un cambiamento che secondo Ormancey, avrebbe fatto lievitare i costi di 10 volte, rendendoli “insostenibili nel lungo termine”.‎

Crediti: CERN

 

L’istituto di ricerca ha quindi deciso di esplorare soluzioni alternative per ridurre o addirittura eliminare la sua dipendenza dal software commerciale. Il progetto Microsoft Alternatives ha quindi quattro obiettivi principali: fornire lo stesso servizio a ogni categoria del personale CERN‎, evitare il blocco dei fornitori per ridurre il rischio di dipendenza‎, mantenere il controllo dei dati‎ e soddisfare i casi d’uso più comuni‎.

Il passaggio non può essere repentino, per questo il CERN ha negoziato con Microsoft un adeguamento graduale ai prezzi nel corso di 10 anni. Durante questo periodo, il programma MAlt cercherà di migrare il personale del CERN da vari servizi IT e pacchetti software forniti da Microsoft a soluzioni open source, alcune delle quali realizzate internamente dai dipendenti del CERN.

Inoltre, la situazione del CERN non è isolata perché, come si legge nel post, molti altri istituti di ricerca stanno vivendo dilemmi simili. Un cambio di direzione da parte di un ente così grande e importante può fare da apripista anche a realtà minori, e non sarebbe la prima volta che al CERN si sviluppano soluzioni affermatesi a livello mondiale, come accadde per il World Wide Web.

Il progetto MAlt è già passato dalla fase di pianificazione a quella di distribuzione di un progetto pilota di un servizio mail per il dipartimento IT, che partirà in estate, su base volontaria. Inoltre, evidenzia Ormancey, “i client Skype for Business e i telefoni analogici migreranno verso una soluzione di telefonia softphone”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Briko Cerbellum One è il casco altamente tecnologico per la sicurezza dei ciclisti

prev
Articolo Successivo

Xiaomi fa il pieno di annunci fra smartphone, auricolari, braccialetti fitness e uno scooter elettrico

next