State leggendo questa notizia su un browser Internet contemporaneo, ricco di elementi grafici, di pulsanti intuitivi per andare avanti e indietro fra le pagine, di link per approfondire gli argomenti. Per molti è scontato. Sono quanti non ricordano o non hanno vissuto il WorldWideWeb del 1990. Cioè l’interfaccia sviluppata dal CERN per condividere la documentazione scientifica in formato elettronico, in modo da poter migliorare la comunicazione e la cooperazione tra i ricercatori dell’istituto.

La prima pagina web andò online nel 1991, il 26 febbraio per la precisione. Allora questa tecnologia era accessibile solo agli scienziati del polo di ricerca svizzero. Il progetto diventò pubblico due anni dopo, quando fu rilasciato il codice sorgente. Per celebrare l’anniversario il CERN ha messo online una pagina navigabile con i browser moderni: la trovate qui.

Visitarla e tentare di usarla fa comprendere quanti passi avanti sono stati compiuti da allora, e come sia cambiata la concezione comune di tecnologia “user friendly”. Le pagine apparivano come un dattiloscritto, era il fatto di poterle vedere a video a renderle rivoluzionarie. E di non doverle portare a mano da un ufficio all’altro.

I pulsanti per andare avanti e indietro fra le pagine web non esistevano come li conosciamo oggi. Ce n’era una versione antidiluviana nel menu Navigate, alle voci Back e Next. Non servivano a molto perché i collegamenti ipertestuali esistevano (bisognava cliccare due volte sul link per attivarlo), ma si aprivano sempre e comunque in una nuova finestra. Con Back e Next quindi si portava semplicemente in primo piano la finestra precedentemente/successivamente visitata.

Gli antenati degli attuali Preferiti erano nel pulsante Links. Curioso il menu Page Layout, che permetteva di impostare il carattere con cui apparivano le scritte, le dimensioni e altri parametri. Un po’ come le impostazioni odierne di Word. Compiendo azioni che non portavano a nulla, invece, appariva una finestra con la “guida in linea”, indispensabile per uno strumento tanto rivoluzionario per l’epoca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Meno tablet in aula e a casa, più tempo all’aria aperta: le proposte cinesi per salvare la vista degli studenti

prev
Articolo Successivo

Il sistema di allarme Nest integra un microfono, ma Google si era dimenticata di dirlo

next