Era l’8 febbraio del 2012 e in campo si stava disputando la partita di Coppa Italia Milan-Juventus quando all’improvviso cadde a terra, colpito da un malore: “Mia moglie Daiana mi prese per mano e mi convinse a continuare. Arbitrai Fiorentina-Udinese la domenica prima, il lunedì entrai all’Istituto dei Tumori di Milano per l’operazione e per il mercoledì rifiutai il cambio di designazione offertomi dal designatore Stefano Braschi”. A rivelarlo è l’ex arbitro Paolo Mazzoleni che ha raccontato nella sua autobiografia “La mia regola 18” la sua lotta contro il cancro, che ora ha sconfitto.

È stata una scelta di vita, allietata tre anni dopo dalla nascita di mio figlio Riccardo”, spiega oggi Mazzoleni. “Non so se farò il pensionato o la mia sezione Aia mi darà incarichi. Di sicuro non mi vedrete a commentare i rigori in tv, la categoria arbitri nel piccolo schermo è in overbooking. Ho 45 tatuaggi, ma mi voglio tatuare anche le 210 partite in Serie A”, ha scherzato l’ex arbitro che ora ha abbandonato fischietto e cartellini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Moise Kean, l’attaccante della Nazionale è in ritiro e nel videoselfie spunta una figura in mutande sul letto: “Sembra una donna…”

prev
Articolo Successivo

Nazionale di calcio femminile, il fidanzato del portiere Laura Giuliani: “Ai Mondiali astinenza sessuale”

next