Nicola Zingaretti, intercettato alla Camera dei deputati una settimana fa su Luca Lotti, al centro del caso delle nomine nelle maggiori Procure italiane e protagonista degli incontri con magistrati del Csm, disse: “Al momento non ci sono indagati”. Lo stesso giorno il segretario dem incontrò proprio l’ex ministro e braccio destro di Matteo Renzi, rinnovandogli fiducia. Oggi, prima che uscisse il documento in cui il pg della Cassazione definiva Lotti “un imputato che si sceglieva il suo procuratore”, i vertici dem, da Paolo Gentiloni ad Andrea Orlando e Maurizio Martina, fuggono dalle domande entrando o uscendo da Montecitorio. Francesco Boccia è l’unico a rispondere: “Lotti? Attendiamo il lavoro dei magistrati, perché al momento abbiamo solo notizie di stampa. Vorremmo capire davvero cosa è successo, perché è evidente che il Pd non deve consentire a nessuno di fare un mestiere che non è il proprio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aridatece D’Annunzio, geniale cialtrone

next
Articolo Successivo

Csm, Berlusconi a Mattarella: “Lo sciolga”. E sul governo: “Situazione oscena”

next