Nicola Zingaretti, intercettato alla Camera dei deputati una settimana fa su Luca Lotti, al centro del caso delle nomine nelle maggiori Procure italiane e protagonista degli incontri con magistrati del Csm, disse: “Al momento non ci sono indagati”. Lo stesso giorno il segretario dem incontrò proprio l’ex ministro e braccio destro di Matteo Renzi, rinnovandogli fiducia. Oggi, prima che uscisse il documento in cui il pg della Cassazione definiva Lotti “un imputato che si sceglieva il suo procuratore”, i vertici dem, da Paolo Gentiloni ad Andrea Orlando e Maurizio Martina, fuggono dalle domande entrando o uscendo da Montecitorio. Francesco Boccia è l’unico a rispondere: “Lotti? Attendiamo il lavoro dei magistrati, perché al momento abbiamo solo notizie di stampa. Vorremmo capire davvero cosa è successo, perché è evidente che il Pd non deve consentire a nessuno di fare un mestiere che non è il proprio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aridatece D’Annunzio, geniale cialtrone

next
Articolo Successivo

Csm, Berlusconi a Mattarella: “Lo sciolga”. E sul governo: “Situazione oscena”

next