Belen Rodriguez e Stefano De Martino alla Notte della Taranta e gli intellettuali lanciano un “appello alla dignità“. Ha scatenato polemiche la decisione di Rai2, confermata dal direttore Carlo Freccero, di affidare la conduzione del backstage del Concertone salentino alla coppia d’oro del gossip, tanto che 18 tra docenti universitari e artisti hanno sottoscritto un documento che accusa la Fondazione Notte della Taranta, di avere tolto “dignità ad una manifestazione che è stata unico e speciale luogo di studio e di (re)invenzione della tradizione musicale salentina, di metissage culturale e sociale, di coinvolgimento della comunità locale e di lavoro scrupoloso sulle fonti della cultura popolare”.

“Ci chiediamo perché –  si legge nel documento ideato dal professore Andrea Carlino, storico presso l’Università di Ginevra – questa paziente costruzione, questo meraviglioso progetto creativo culturale, sociale e politico, debba ora infrangersi vendendo l’anima del Salento al gossip al trash, al populismo, all’acchiappa audience e all’acchiappa chiappe? Non esprimiamo sia chiaro nessuna critica sulle scelte mercantili o artistiche di Raidue, ma la Fondazione Notte della Taranta, il suo presidente, il suo consiglio di amministrazione, il suo consiglio scientifico, perche’ assecondano anzi sono complici della trasformazione commerciale e sanremese del Concertone? Perché?”.

Subito è arrivata la replica della Fondazione Notte della Taranta: “Belen e Stefano De Martino non saranno sul palco del Concertone ma commenteranno la diretta da ospiti del backstage come già dichiarato ufficialmente dal direttore di Rete Carlo Freccero”, si legge in una nota.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Video di famiglia travolta da una valanga diventa virale come denuncia per il clima. Ma è una fake news: è clip di un film del 2014

prev
Articolo Successivo

Royal family sul balcone di Buckingham Palace al gran completo, il principe Harry sgrida Meghan Markle: ecco cosa è successo

next