Giorgio Armani fa shopping di Nba per cucire un profilo vincente alla sua Olimpia Milano, dopo la stagione da dimenticare con cui si è conclusa l’era di Simone Pianigiani. Gli occhi del ‘re’ della moda e patron del club biancorosso si sono posati su Ettore Messina, 59 anni, uno degli allenatori italiani più vincenti nella storia della pallacanestro europea.

L’ex coach di Benetton Treviso, Virtus Bologna e della Nazionale ha firmato un triennale (con opzione per estendere il contratto fino al 2024) e scelto quindi di rimettersi in gioco in Europa dopo le stagioni in Nba come assistente di coach Gregg Popovich sulla panchina dei San Antonio Spurs

Dopo aver cullato per anni il sogno di guidare una franchigia d’Oltreoceano, quindi, Messina fa ritorno a casa dove sarà il plenipotenziario delle sorti di Milano, poiché il suo contratto prevede che, oltre ad allenare, ricoprirà il ruolo di direttore dell’area tecnica. Al Forum cercherà di arricchire la sua bacheca che conta già 27 trofei, compresi 4 scudetti (due a Treviso e altrettanti a Bologna), 4 Eurolega (con la Virtus nel 1998 e 2001, col Cska Mosca nel 2006 e 2008), 5 campionati russi e 3 Vtb

Un curriculum che parla da sé e che il coach sarà chiamato a ‘svecchiare’ dopo le esperienze in Nba con i Los Angeles Lakers e i cinque anni con gli Spurs, intervallati dal rientro al Cska. A San Antonio, Messina si è ritrovato anche ad allenare in prima persona per 4 partite a causa di assenze dettate da motivi personali di coach Popovich, divenendo il primo allenatore straniero a vincere una partita Nba di regular season e di playoff. Tra il 2015 e il 2017 anche la parentesi (non la prima) sulla panchina della Nazionale, in sostituzione di Pianigiani: il nuovo coach di Milano riuscì a portare gli azzurri a una vittoria dalla partecipazione alle Olimpiadi di Rio e fino ai quarti nei campionati europei 2017.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali di calcio femminile, da Reggio Emilia l’inno della nazionale: “L’azzurro siamo noi”

prev
Articolo Successivo

Europei 2020, Polonia-Israele finisce 4 a 0 e la Federcalcio di Varsavia esulta su Facebook: “È un pogrom”

next