“Tutti dobbiamo cominciare a lavorare ad una riforma del Csm, del resto era scritto nel contratto di governo. Dobbiamo riflettere sulla possibilità di intervenire sul sistema elettorale”. A rivendicarlo il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafedein merito alle vicende giudiziarie che hanno investito alcuni ex membri del Csm, a margine della relazione annuale dell’Anac, l’Autorità anticorruzione. Presente anche il vicepresidente del Csm David Ermini, che già negli scorsi giorni aveva parlato di “degenerazioni correntizie, giochi di potere e traffici venali di cui purtroppo evidente traccia è nelle cronache di questi giorni”.

In base a quanto emerso dalle ricostruzioni giornalistiche e dalle conversazioni intercettate grazie al «trojan», l’ex ministro Pd dello Sport Luca Lotti, protagonista di incontri notturni riportati nelle carte dell’inchiesta con il collega dem Cosimo Maria Ferri, Palamara e altri magistrati, finalizzati a decidere a tavolino le nomine dei procuratori capi, si sarebbe lamentato nei suoi incontri proprio per la mancata collaborazione dello stesso Ermini. Ricostruzioni alle quali il vicepresidente non ha voluto replicare: “Lotti? Non rilascio dichiarazioni“, ha tagliato corto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Csm, il segretario Pd Zingaretti: “Lotti e Ferri si devono dimettere? Per ora non ci sono indagati”

next
Articolo Successivo

Sala, la battuta su Salvini: “Italiani suoi figli? Non lo voglio neanche come zio”

next