“Tutti dobbiamo cominciare a lavorare ad una riforma del Csm, del resto era scritto nel contratto di governo. Dobbiamo riflettere sulla possibilità di intervenire sul sistema elettorale”. A rivendicarlo il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafedein merito alle vicende giudiziarie che hanno investito alcuni ex membri del Csm, a margine della relazione annuale dell’Anac, l’Autorità anticorruzione. Presente anche il vicepresidente del Csm David Ermini, che già negli scorsi giorni aveva parlato di “degenerazioni correntizie, giochi di potere e traffici venali di cui purtroppo evidente traccia è nelle cronache di questi giorni”.

In base a quanto emerso dalle ricostruzioni giornalistiche e dalle conversazioni intercettate grazie al «trojan», l’ex ministro Pd dello Sport Luca Lotti, protagonista di incontri notturni riportati nelle carte dell’inchiesta con il collega dem Cosimo Maria Ferri, Palamara e altri magistrati, finalizzati a decidere a tavolino le nomine dei procuratori capi, si sarebbe lamentato nei suoi incontri proprio per la mancata collaborazione dello stesso Ermini. Ricostruzioni alle quali il vicepresidente non ha voluto replicare: “Lotti? Non rilascio dichiarazioni“, ha tagliato corto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Csm, il segretario Pd Zingaretti: “Lotti e Ferri si devono dimettere? Per ora non ci sono indagati”

prev
Articolo Successivo

Sala, la battuta su Salvini: “Italiani suoi figli? Non lo voglio neanche come zio”

next