È stato sospeso già da novembre e nelle ultime ore è stato raggiunto da un avviso di fine indagini il maresciallo della Brigata Alpina Taurinense accusato di molestie nei confronti di tre soldatesse. Lo ha reso noto lo Stato Maggiore dell’Esercito, precisando che “laddove le accuse fossero confermate, si tratta di comportamenti indegni, inaccettabili e immorali, ancora più gravi per uomini e donne che indossano l’uniforme e rappresentano lo Stato”. Nell’ambito della stessa inchiesta, anticipata dal dorso torinese del Corriere della Sera, un tenente colonnello è indagato per favoreggiamento e un capitano per omessa denuncia.

L’inchiesta coordinata dal pm Barbara Badellino riguarda episodi che, secondo l’accusa, si sarebbero verificati tra il gennaio 2017 e lo stesso mese del 2018, quando il militare avrebbe molestato tre soldatesse durante alcune esercitazioni di sci. Un comportamento che, dopo la confidenza di una delle vittime a un carabiniere, che ha segnalato il caso facendo partire gli accertamenti, è costato al maresciallo un’accusa per violenza sessuale.

“Tolleranza zero nel contrastare tali inammissibili condotte” arriva dall’Esercito, che conferma “totale condanna, nessuna giustificazione e pieno rigore nel perseguire i comportamenti che violano i principi e i valori su cui si fonda l’Istituzione”. Nel confermare la “massima collaborazione e trasparenza con gli organi inquirenti”, lo Stato Maggiore conclude ricordando che “chi si macchia di tali comportamenti offende fortemente la dignità e l’onore di tutto il personale che, invece, con profonda integrità, professionalità e spirito di sacrificio, quotidianamente svolge il proprio dovere, in Italia e all’estero, anche a rischio della propria vita”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tangenti Lombardia, tribunale Riesame: “Nino Caianiello deve restare in carcere”

prev
Articolo Successivo

Crac Borsalino: gli intrecci tra l’imprenditore, il manager con un passato nei servizi e il colonnello della Finanza

next