La prima prova dei fatti dopo l’ultimatum di Giuseppe Conte finisce con un nulla di fatto. E conferma, anzi, le tensioni all’interno del governo M5s-Lega. Non c’è intesa sull’emendamento della Lega per congelare l’applicazione del codice per gli appalti. La riunione convocata a Palazzo Chigi dal premier Giuseppe Conte per trovare una mediazione si è interrotta a meno di un’ora dall’inizio per le divergenze sulla norma che modificherebbe l’articolo 1 del decreto sblocca cantieri.

All’incontro iniziato intorno alle 20.30 partecipavano, oltre al presidente del Consiglio, il ministro dell’Economia Giovanni Tria, il titolare dei Trasporti Danilo Toninelli, il ministro M5s ai Rapporti col Parlamento Riccardo Fraccaro, i viceministri all’Economia Laura Castelli (M5s) e Massimo Garavaglia (Lega), i sottosegretari Simone Valente, Davide Crippa e Vincenzo Santangelo oltre al senatore M5s Stefano Patuanelli e ai due relatori del provvedimento che è all’esame del Senato.

Fonti di governo M5s presenti all’incontro riferiscono che il sottosegretario Garavaglia “si è presentato al tavolo con un emendamento che dà uno stop per due anni all’applicazione del codice degli appalti, una proposta di modifica mai concordata, dicendo di avere il mandato politico per andare avanti sulla questione”. A quel punto la riunione si è instradata su un binario morto: dopo meno di un’ora di discussione il presidente del Consiglio ha alzato le mani, dicendo che non c’erano margini per continuare a discutere. Così è andato via, facendo saltare anche la riunione prevista successivamente sul dl crescita, fermo alla Camera. “E’ una questione di metodo, così non va bene“, le parole di Conte “decisamente contrariato” riferite dalle fonti: “E’ una cosa che avevamo già archiviato. Ora ognuno si assuma le sue responsabilità“.

“Se la Lega vuole far saltare il decreto sblocca cantieri e magari così mettere a rischio lo stesso governo, lo dicesse in maniera chiara e se ne assumerà le responsabilità”, fanno eco poco dopo fonti del ministero dei Trasporti, a guida M5s. In tarda serata, poi, un invito alla distensione: “Lo sblocca cantieri è pronto e già condiviso tra noi e la Lega – fanno sapere fonti del Movimento 5 stelle – Andiamo avanti, approviamo lo sblocca cantieri, il testo già condiviso noi siamo pronti a votarlo. E ripartiamo“.

Il vertice era stato convocato dal premier per le 17.30 a palazzo Chigi, quindi la convocazione è slittata a dopo la conferenza stampa in cui Conte ha lanciato alle due anime del governo un ultimatum e un appello a porre fine alla “campagna elettorale permanente“. Martedì scorso si era svolta una riunione di maggioranza proprio sugli emendamenti al decreto sblocca cantieri, ricordano fonti governative, e della proposta della Lega di sospensione del codice degli appalti non c’era traccia. E’ questa, viene spiegato, la ragione della convocazione della riunione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondaggi, la maggioranza degli elettori di Lega e M5s non vuole che il governo cada. Il Carroccio sfonda quota 36%

prev
Articolo Successivo

Cantieri, intesa Lega-M5s: ‘Sospesi alcuni punti del codice appalti’. Ok dopo chiamata Di Maio-Salvini e pressing Conte

next