QUEL GIORNO D’ESTATE di Mikhael Hers. Con Vincent Lacoste, Isaure Multrier, Stacy Martin. Francia 2018. Durata: 106’. Voto: 4/5 (DT)

Parigi oggi in estate. David pota rami degli alberi, incontra per caso e frequenta una ragazza appena trasferitasi in città, trotterella tra casa sua e quella della sorella Sandrine e della nipotina di 7 anni Amanda cresciuta senza padre. Poi una sera Sandrine va a un pic-nic al Bois de Vincennes e viene falciata con altre decine di persone dai proiettili di un attacco terroristico (presumibilmente islamico). David muto e sconvolto si farà carico di crescere Sandrine tra pratiche burocratiche, ritardi, corse, abbracci e incomprensioni. Delicata e dolorosa ricognizione della perdita ed elaborazione del lutto che scivola e penetra dentro al cuore dello spettatore, a sua volta ignaro, sorpreso, avvinto dal turning point narrativo della storia.

Poeticamente Un Raggio verde post Charlie Hebdo fatto di cose, persone, e sentimenti semplici: lettere scritte a mano, passeggiate in bicicletta, magliettine sgualcite, sorrisi che avvolgono, lacrime che rigano gote e gonfiano gli occhi. Nessuna spettacolarizzazione del sangue o del desiderio di vendetta, perché l’angoscia del nuovo millennio è un’entità invisibile e incomprensibile riassunta e pigiata nell’inconscio fragile dei personaggi, suonata come un minuetto proteso verso la rinascita futura. La piccola Isabella Multrier è un intenso e nitido groviglio di dolore e speranza. L’ultima sequenza sugli spalti di Wimbledon un tuffo al cuore.

Film in uscita, da Quel giorno d’estate a Rocketman e Godzilla II: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pallottole in libertà, un bizzarro puzzle tra il comico e l’action poliziesco

next
Articolo Successivo

Lina Wertmuller, Oscar alla carriera per la regista italiana

next