“Credo sia un atto di coraggio chiedere il voto. Confermerò la fiducia a Luigi”. Lo ha detto il sindaco di Torino, Chiara Appendino, a margine della presentazione in Senato del Rapporto sul coordinamento della finanza pubblica della Corte dei Conti. “Credo sia giusto riflettere su cosa abbiamo fatto e come si può fare di meglio. Gli attacchi continui e il clima da forconi – ha aggiunto – non aiuta a fare una riflessione serena”.

“Chiedere il voto credo sia un atto di coraggio. Io confermerò la fiducia a Luigi e gli altri facciano lo stesso”, ha continuato la sindaca di Torino: “Credo che Di Maio stia facendo un lavoro molto difficile e che abbia bisogno della vicinanza del Movimento per proseguire con l’azione governo. Che siano andate male le elezioni è un dato di fatto. In questo momento dobbiamo riflettere su cosa abbiamo fatto e come fare meglio. Gli attacchi continui e il clima da forconi non aiutano a fare una riflessione serena rispetto a quello che c’è da migliorare, serve un clima sereno e spero che il Movimento possa ribadire la fiducia a Luigi e ripartire con maggiore tranquillità”, ha concluso la sindaca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Viaggio nella Val di Susa che ha votato Lega, gli attivisti No Tav: “Salvini? I politici sono meteore. Noi qui da 30 anni”

prev
Articolo Successivo

M5s, De Luca: “Toninelli? Mettiamolo su uno di quei treni giapponesi a 800 km/h, così lo mandiamo in orbita”

next