Un’autobiografia senza filtri, ma anche un viaggio nel sottobosco dei clochard, tra invidie e nuove opportunità: è il libro I segreti dell’elemosina – La vera storia di un insolito mendicante, del bolognese Rafael Antonio Quevedo, senzatetto laureato e scacchista di strada. Presenza stabile nell’elegante via D’Azeglio, a due passi da piazza Maggiore e dalla casa di Lucio Dalla, l’autore, classe 1975, mette a nudo uno spaccato di società, capovolgendo i tradizionali punti di vista. Sei anni trascorsi sulla strada, raccontati con la consapevolezza di chi si è sempre sentito destinato a diventare un ‘barbone’, unico modo per sentirsi libero.

Padre spagnolo e madre italiana, Antonio Quevedo nasce a Bologna da una famiglia benestante: come racconta nel libro – 176 pagine, Erreci edizioni, 15 euro -, lo zio (Rafael Isidro Quevedo) è stato ministro dell’Agricoltura in Venezuela. Nonostante i frequenti litigi con la madre e la psicoterapia, conduce una vita ‘normale’: perito elettronico, si laurea in Economia e Commercio e comincia a studiare Ingegneria. Alle spalle tanti lavori, da operaio a magazziniere, da apprendista idraulico a commesso. Ma qualcosa lo porta a spezzare gli equilibri, dando corpo a quello che lui stesso definisce un desiderio di autodistruzione. Dopo l’ennesima lite, infatti, nel 2013 decide di rompere i ponti con la famiglia e comincia una nuova vita, da zero.

Il freddo, le notti passate sulla scalinata del PalaDozza (storico palazzetto del basket) e i primi spiccioli donati dai passanti: l’impatto con la vita da homeless non è certo facile. E ancora, l’alcol, le droghe e i ‘dispetti’ dei mendicanti vicini. Tutto svelato nei minimi dettagli, compresi i segreti più intimi. Un pasto caldo alla Caritas, una sistemazione per la notte e una piccola pensione di invalidità cominciano a cambiare il corso della situazione. Fino alla svolta: da semplice mendicante ad artista di strada, con l’idea di stendere una scacchiera e offrire una partita in cambio di una moneta. Da studente, infatti, Antonio disputava tornei di scacchi e la stoffa gli è rimasta. Tra le boutique della via, dove ormai è di casa, diventa il “mendicante che legge libri e gioca a scacchi”. Il guadagno è di qualche euro al giorno, ma nella via dove passa le giornate, seduto a gambe incrociate, Antonio si sente finalmente realizzato (“Ho passato una vita a fare quello che gli altri si aspettavano da me, ora faccio quello che voglio”).

Così, tra una sfida e l’altra, nel 2015 crea e porta in scena un monologo in sei atti – Scacco matto –, presso il teatro del Navile, sulla vita di strada. E nel frattempo scrive il suo primo libro, Metropoli 2175, uscito nel 2018. Un romanzo cyberpunk ambientato in un’immensa città sovraffollata del futuro, dove un’accozzaglia di punk, squatter e hacker si oppone al sistema dominato da potentati economici. “Ne I segreti dell’elemosina – spiega l’autore, che sogna di fare lo scrittore e il programmatore – racconto la discesa all’inferno e il riscatto attraverso le mie passioni: la lettura, la scrittura e gli scacchi. Ma resto sempre un mendicante”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival dei Matti di Venezia, in un docufilm la storia e gli abusi di Giorgio Coda sui pazienti psichiatrici

next
Articolo Successivo

Vittorio Zucconi morto, il giornalista di Repubblica e scrittore aveva 74 anni

next