“Dallo spazio non si vedono confini”. Parola di Paolo Nespoli, l’astronauta italiano per tre volte in orbita per le missioni spaziali. Ieri, nel corso dell’ultimo appuntamento di EPCC, l’uomo delle stelle che ha vissuto per oltre 300 giorni in orbita, a migliaia di chilometri di distanza dal nostro pianeta, intervistato da Alessandro Cattelan in prima serata su Sky Uno, ha raccontato com’è il mondo visto da lassù. Un mondo in cui “siamo tutti insieme”, un mondo senza confini se non quello dell’atmosfera, un mondo che da quella distanza e da quella prospettiva sembra perfetto: “Arrivi in orbita da terrestre e diventi extraterrestre, ed è la prima volta che guardi la Terra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Saverio Raimondo, inizia il suo CNN: “Gli italiani cattivi? No, stupidi. Forse perché abbiamo scop*** troppo tra parenti”

prev
Articolo Successivo

L’Eredità, esilarante gaffe del concorrente sulle Torri Gemelle: Flavio Insinna allibito

next