Cosa fumava il Brucaliffo di Alice nel Paese delle meraviglie per essere così saggio? Non si sa. Adesso però si potrà comprare il classico Lewis Carroll, insieme a un grammo di cannabis. Erba e letteratura, insieme, in tutte le librerie. Tutto nei box Read&Weed di Plantasia: dentro ogni confezione c’è un libretto con un brano letterario e un grammo di canapa legale in omaggio. L’idea è farsi accompagnare nella lettura dagli effetti meditativi e rilassanti della droga, e magari provare rispondere al dubbio che ha sempre assillato gli appassionati di Alice nel Paese delle meraviglie.

In vendita, tre tipi di canapa (kush, skunk e widow) accompagnati da tre classici: Il canto dei Lotofagi, tratto dall’Odissea di Omero, che è una delle prime attestazioni dell’uso di droghe nella cultura occidentale; I paradisi artificiali, il capolavoro simbolista e gotico di Charles Baudelaire; e ovviamente Carroll, con Prendimi, tratto da Alice nel paese delle meraviglie, l’opera onirica per eccellenza.

Il rapporto tra sostanze psicotrope o allucinogene con la letteratura è sempre stato piuttosto stretto. Baudelaire, Bukowski, Bulgakov, Dickens, Hugo, Stevenson, Allan Poe. Molti dei maggiori autori moderni hanno scritto i loro capolavori sotto gli effetti di sostanze stupefacenti. L’idea dei Read&Weed torna a a sottolineare proprio quel legame tra cultura e visioni oniriche.  Tra l’altro, proprio, nei giorni della guerra ai negozi di canapa legale del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Intervistato da RepubblicaFrancesco de Figueiredo, socio di Plantasia, ha spiegato che l’iniziativa non vuole essere provocatoria. “Quello che vorremmo produrre – ha detto – è un effetto di normalizzazione: parliamo di un prodotto controllatissimo a livello legale, analizzato e tracciato come gli alimenti biologici. Vorremmo dimostrare che in un mercato regolarizzato si potrebbe legalizzare le droghe leggere sviluppando, appunto, un mercato controllato e virtuoso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pompei, cambiano i ministri ma Osanna resiste. Anche Bonisoli conferma il direttore

prev
Articolo Successivo

Roma, ritrovata statua di una divinità durante gli scavi sotto il Campidoglio

next