Continua a far discutere l’esibizione di Madonna all’Eurovision Son Contest di Tel Aviv. Se la popstar era già stata infatti criticata per aver fatto esibire i suoi ballerini con le bandiere di Israele e Palestina, ora nel mirino è finita la sua di esibizione a causa di alcune “stecche” e imprecisioni vocali nell’esecuzione di “Like A Prayer”. Errori che sono poi spariti come per magia nel video ufficiale che lei ha pubblicato sul suo canale ufficiale di Vevo. La cosa però non è certo sfuggita dal momento che le sue stecche erano state così evidenti che alcuni media, soprattutto inglesi, sono stati impietosi nel recensire il suo show.

Tanto più che la diretta dell’Eurovision è stata seguita da milioni di spettatori e che in Rete sono stati pubblicati migliaia di video della sua versione originale, motivo per cui in molti hanno fatto il confronto e si sono scatenati in commenti negativi sul suo conto. Gli errori vocali di Madonna non sono certo una novità: da anni infatti, si vocifera che la signora Ciccone nei live non sia all’altezza delle aspettative.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

The Storm isn’t in the air…………..it’s inside of us. ??#likeaprayer #darkballet #madamex @meganguwre @jpgaultierofficial

Un post condiviso da Madonna (@madonna) in data:

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Jamie Oliver, 25 ristoranti vicini al fallimento: 1300 lavoratori rischiano il posto

next