Prima lo ha chiamato, da lontano (“Di Maio, Di Maio”), e per questo nessuno lo ha fermato, credendo fosse un fan. Poi però, quando l’autista ncc si è avvicinato a Luigi Di Maio ed è entrato al  Tempio di Adriano, nella sala convegni dove era previsto l’intervento del capo politico del M5s, lo ha contesato: “Vergognati, sono uno dei 200mila licenziati per colpa tua. Ho una famiglia da mantenere“. Polizia e digos lo hanno invitato a calmarsi e l’uomo si è fatto accompagnare fuori, senza protestare. “Il ministro Danilo Toninelli ci ha convocati ma poi non ci ha ricevuti. Hanno fatto tante promesse negli ultimi dieci anni, ma non è il governo del cambiamento” ha spiegato insieme a un collega.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicurezza bis, Viminale: “Limature finite, testo pronto per ok domani”. Di Maio: “Ancora dubbi, fugarli prima di cdm”

next
Articolo Successivo

Decreto Sicurezza bis, Di Maio: “Mancava qualcosa nel primo decreto? Restano dubbi, così non si va in Cdm”

next