Parto da un presupposto: un solido partito d’opposizione farebbe bene al Paese. Entro, idealmente, in Parlamento e vado a esclusione: Fratelli d’Italia è tra i banchi di minoranza, ma freme per un governo con la Lega (tanto che ai provvedimenti targati Carroccio, vedi decreto Sicurezza e legittima difesa, ha sempre dato l’ok); Forza Italia è ai minimi storici, sta vivendo la diaspora interna di quei transfughi che abbandonano la nave prima della fine e, a chi rimane, piano piano ci stanno pensando le Procure; così resta il Partito democratico. Che in teoria, volendola vedere con le categorie destra-sinistra, dovrebbe stare a sinistra. Ma che, spiace doverlo constatare, da quando Nicola Zingaretti ne è segretario, non ha avuto alcun cambio di passo.

Vado con ordine. La prima mossa del neo segretario è quella di farsi vedere a Torino, insieme a Sergio Chiamparino, per dire sì senza indugi al dio-Tav e per rincorrere quell’elettorato del “Nord produttivo deluso da Matteo Salvini” che, se non smaccatamente orientato a destra, senza dubbio è moderato. Restando in terra sabauda, il 1° maggio ci sono state tensioni tra No Tav e la delegazione dem. Risultato: Gianluca Guglielminotti, militante del Pd della Val Susa e in quel momento impegnato nel servizio d’ordine, prende a cinghiate i manifestanti; Joseph Gianferrini, dell’ufficio di presidenza del Pd torinese, gioisce pubblicamente in Rete perché “finalmente la polizia ha fatto assaggiare i manganelli” agli attivisti contrari all’Alta velocità. Bene così.

Andiamo avanti con un tema tabù per l’Italia e per la sinistra italiana (mentre nel resto del mondo se ne parla e i politici che lo fanno vengono premiati): la famigerata patrimoniale. Già durante la corsa per le primarie, ai nostri microfoni, Zingaretti aveva detto no, sostenendo, visibilmente imbarazzato perché preso in contropiede: “Io credo nella progressività delle imposte, solo a quello”. Concetto ribadito a inizio aprile a Maurizio Landini: “Non è nel programma e non è una mia proposta”. Col nostro che ha dovuto rassicurare i parlamentari, in fibrillazione, a Montecitorio. Ma vi immaginate Andrea Marcucci al Senato e Maria Elena Boschi alla Camera, in piedi, a microfono acceso, a difendere la proposta di una tassa sui ricchi? No? Infatti, nemmeno io.

@albmarzocchi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Viminale all’Onu: “Pensi alla crisi in Venezuela e non faccia campagna elettorale. Dl Sicurezza bis necessario”

next
Articolo Successivo

“Fascisti”, l’eterna scorciatoia di usare il termine sbagliato: da Trump a Salvini. “Veri rischi? Leader democratici senza ideali”

next